Banner Pubblicitario
23 Maggio 2022 / 07:26
La centralità della pasta

 
Scenari

La centralità della pasta

di Ildegarda Ferraro - 18 Gennaio 2022
Aumenta il costo della pasta. E l’idea che i prezzi aumentino diventa ancora più reale rispetto all’aumento dell’energia o delle materie prime. Perché la pasta è casa e “zona di conforto”, anche per chi se la concede poco
«Non mangio quasi mai pasta. Diciamo che me la consento una volta al secolo. Eppure, la pasta è centrale. Se a casa hai mezzo chilo di pasta sei comunque un re». È una delle risposte che ricevo chiedendo un po’ in giro…certo è un sondaggio senza costrutto, ma può rendere il polso dell’”emozione pasta”. «A casa dei miei nonni si mangiava pasta tutti i giorni. Per me resta un cibo del cuore». O ancora: «Due spaghetti a mezzanotte…e che c’è di meglio?». E forse c’è anche tutto questo, oltre all’importanza di un settore, nel peso che sta avendo l’aumento del prezzo della pasta (vedi qui e anche qui).
C’è una centralità della pasta nella nostra cultura che esula dal peso reale nelle nostre vite. Pasta è la pentola dell’acqua che bolle, il sugo, il pranzo della domenica.
E si può parlare di aumento dell’energia, delle materie prime, di beni importanti, ma l’impatto emozionale dell’aumento della pasta tocca corde difficili da definire. E tutto diventa più reale. Nella nostro immaginario culturale è un po’ come il Big Mac Index (leggi qui e anche qui), che permette di leggere con un unico metro lo stato delle cose intorno al mondo con l’hamburger. La pasta e il prezzo della pasta ci permette di guardare ai nostri desideri di conforto. E se a settembre un chilo di pasta alla grande distribuzione costava 1,10 euro, ora ne costa 1,40 e a fine gennaio probabilmente 1,52, quello che accade ce lo immaginiamo in maniera più reale in termini di pranzo delle feste. E un più 38% diventa un elemento vivo. E comunque è l’alimento preferito per 1 italiano su 2 e ne mangiamo in media 23,1 chilo l’anno a testa. 
E io mi sarei fermata qui, ma in uno di questi giri sulla pasta, un collega mi dice: «E le farine?». Diciamocelo siamo tutti un po’ cultori del tema pasta. E la questione delle farine, dei grani antichi, delle battaglie per il riconoscimento dell’eccellenza, della sensibilità alle variazioni innescate dall’uomo sono di largo dominio più di quanto non si pensi. 
Cresce comunque la passione per la pasta italiana non solo da noi. Sul sito pastai italiani (qui) c’è un quadro molto chiaro: 120 aziende produttrici, 4,7 miliardi di fatturato l’anno, 7mila 500 occupati, 3,3 milioni di tonnellate di pasta l’anno, 3 piatti su 4 di quelli consumati in Europa sono italiani. Crescono a doppia cifra i dati dell’export in Usa e in Giappone, l’aumento è a ritmo interessante in Cina, Emirati Arabi Uniti, in Sud Africa ed Europa dell’Est. E insomma, non dev’essere solo una questione tutta nostra, visto che la pasta italiana va alla grande qui, in Europa e un po’ ovunque nel mondo (vedi qui anche).
CRIF_Banner Medium_new giugno 2021
ALTRI ARTICOLI

 
Sicurezza

Mancano i dati? Li creiamo noi. Sintetici

Parla Shalini Kurapati, indiana residente a Torino, fondatrice di una startup che produce dati artificiali perle attività previsionali delle aziende...

 
Sicurezza

Sicurezza: una sfida da vincere, per crescere

Al via l’edizione 2022 di Banche e Sicurezza (iscriviti qui): tra cyber security e rischi fisici, un’occasione unica di confronto per la community...

 
Banca

«Formazione virtuale o fisica? Quel che conta è costruire una learning experience»

La nuova proposta formativa di ABIFormazione mette al centro i bisogni di professionisti e aziende e risponde accogliendo l'allievo in un unico...
Banche e Sicurezza 2022
L’evento annuale, organizzato da ABI in collaborazione con ABI Lab, CERTFin e OSSIF, che racconta ed esplora...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
ESG in banking: sostenibilità è sviluppo
Il 13 e 14 dicembre la prima edizione dell'evento annuale promosso dall’ABI sulla trasformazione...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Bancaforte TV
Crediti problematici, un approccio data driven conviene a banca e cliente
Trasformare la gestione dei crediti problematici dei privati in un’attività di caring che porta vantaggi...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Cabiati (Deutsche Bank): architettura applicativa da ripensare insieme alle fintech
Per le banche la pandemia ha rappresentato un momento di “stress test” organizzativo e un acceleratore...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Innovation Workshop powered by Bancaforte
Gli Innovation Workshop on demand
Guarda gratuitamente tutti gli appuntamenti organizzati con i nostri Partner 
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Scopri gli Innovation Workshop powered by Bancaforte
Una qualificata opportunità di dialogo e relazione con i professionisti del mondo bancario, finanziario e...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Banner Pubblicitario