Banner Pubblicitario
03 Dicembre 2022 / 13:28
Nemos Offloading Program, per una gestione strategica del mainframe

 
Imprese

Nemos Offloading Program, per una gestione strategica del mainframe

27 Dicembre 2021
La soluzione proposta da Nemos sfrutta le più moderne tecnologie per disaccoppiare i processi tradizionalmente erogati dalle applicazioni “core” su mainframe, con le nuove esigenze di velocità e multicanalità
«Da anni ormai si discute di re-hosting, refactoring, in generale di migrazioni di applicazioni mainframe su ambienti distribuiti; ora non è più il momento di discutere perché quella che una volta poteva essere una opportunità, è diventata una necessità». Non usa troppi giri di parole Gianluca Sisti, Co-founder di Nemos, per sottolineare come per le aziende, in primis per quelle che operano nel settore bancario, finanziario e della monetica, una gestione più efficiente del mainframe si traduca in una riduzione dei costi operativi da un lato e del consumo di risorse dall’altro. Non solo. «Esistono problemi legati alle tecnologie legacy quali l’obsolescenza, la carenza di skill e la difficoltà di integrazione con le nuove tecnologie, ma anche problemi più strettamente legati ad aspetti di business», osserva Sisti, «come la necessità di continuare a soddisfare le esigenze dell’azienda, preservando il know-how accumulato nel parco applicativo e il livello di servizio offerto».
Oggi sono disponibili sistemi e tecnologie in grado di accedere alle risorse in maniera di gran lunga superiore rispetto al passato, superando quei gap legati alla staticità e all’obsolescenza di molte applicazioni mainframe che non consentono la scalabilità necessaria per stare al passo con l’aumento degli utenti e delle richieste. Nel contesto dei servizi “digitali” aperti alla multicanalità di accesso, gli attuali back-end, spesso frammentati, articolati e disomogenei, difficilmente sono infatti in grado di supportare con adeguati livelli di servizio i canali tradizionali di accesso ai servizi ed i nuovi canali di accesso digitale.
Certo, sostituire un mainframe è un’operazione che può rivelarsi molto insidiosa e non sempre necessaria. Ma, sottolinea Sisti, «le attuali tecnologie offrono l’opportunità, attraverso la creazione di un layer intermedio, di disaccoppiare sia le chiamate ai servizi sia l’accesso ai dati, mantenendo inalterate le applicazioni Legacy». Un modello in questo senso è il “Nemos Offloading Program”, una soluzione che sfrutta le più moderne tecnologie per disaccoppiare i processi tradizionalmente erogati dalle applicazioni “core” su Mainframe, con le nuove esigenze di velocità e multicanalità. «Change data capture, streaming, microservizi, database NoSQL, API, ecc. consentono di rispondere a queste esigenze minimizzando l’impatto sui sistemi Mainframe e conseguentemente annullando i rischi di un vero e proprio re-hosting o refactoring delle applicazioni», spiega Sisti.
Nemos Offloading Program garantisce tutto questo attraverso alcuni “semplici” razionali. Primo, i dati mainframe vengono catturati senza impatti sugli applicativi Legacy e “replicati” su un database non relazionale (NoSQL) ad alte prestazioni. In questo modo il sistema Legacy viene sgravato dall’aumento costante del numero degli accessi dai canali digitali. Il modello dati può dunque essere totalmente nuovo ed indipendente dal modello di origine; i dati sono organizzati in modo funzionale, secondo le logiche di business diventando “informazioni” (dal dato all’informazione). Inoltre, le informazioni sono esposte ai canali tramite API o recapitati tramite notifiche push (streaming). Infine, l’indipendenza dei servizi esposti e del modello dei dati, garantisce gli investimenti anche in caso di sostituzione delle applicazioni Mainframe. «La nostra esperienza applicata ai processi, unitamente all’utilizzo di tecnologie abilitanti, consente a Nemos di offrire un supporto di eccellenza nei processi di rinnovamento», conclude Sisti.
 
CAPGEMINI_BANNER SITO SDP 2022
ALTRI ARTICOLI

 
Pagamenti

Le mille forme dei nuovi pagamenti

Dalle carte invisibili al Pos intelligente. Al Salone dei Pagamenti le tecnologie per trasferire denaro, tra dispositivi virtuali e vecchi sistemi...

 
Pagamenti

Tap to phone, l’evoluzione dei pagamenti contactless

Cresce anche in Italia, tra clienti ed esercenti, la cultura dei pagamenti da smartphone e device mobile. Un trend monitorato da Visa, che presenta...

 
Pagamenti

Pagamenti istantanei in crescita in Europa e nel mondo

Così il servizio RT1 di EBA CLEARING supporta le banche italiane nel loro percorso di frontrunner 
Il Salone dei Pagamenti 2022
Il Salone dei Pagamenti è il più importante appuntamento nazionale di riferimento su Pagamenti e Innovazione...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Bancassicurazione 2022
L’evento annuale promosso da ABI e ANIA, dedicato al mercato assicurativo, le principali opportunità legate...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Bancaforte TV
Euro digitale, il futuro prende forma
Uno dei temi chiave dell’edizione 2022 del Salone dei Pagamenti è l’euro digitale. Ma a che punto siamo?...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Dall’euro digitale alla PSD3: le nuove frontiere dei pagamenti
Prime anticipazioni sui temi al centro dell’edizione 2022 del Salone dei Pagamenti. Rita Camporeale,...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Innovation Workshop powered by Bancaforte
MARKET CHALLENGE & BANK PROFITABILITY. Nuovi strumenti e approcci di misurazione dei costi e della redditività bancaria
Registrati gratuitamente e guarda l'evento organizzato in collaborazione con PwC Italia
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
CLOUD NUOVA FRONTIERA PER IL CONTACT CENTER
Registrati gratuitamente e guarda la puntata organizzata in collaborazione con Genesys
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Scopri gli Innovation Workshop powered by Bancaforte
Una qualificata opportunità di dialogo e relazione con i professionisti del mondo bancario, finanziario e...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Banner Pubblicitario