Banner Pubblicitario
01 Luglio 2022 / 05:20
Extra Cashback di Natale, test positivo per la digitalizzazione del Paese

 
Pagamenti

Extra Cashback di Natale, test positivo per la digitalizzazione del Paese

11 Gennaio 2021
La prima fase sperimentale del programma ha coinvolto 5,8 milioni di italiani, registrando 63 milioni di transazioni, quasi la metà con importi inferiori ai 25 euro. Entro il primo marzo saranno accreditati oltre 222 milioni di euro di rimborsi. Rilevante l'impatto per la crescita dell'app IO e di SPID
Tempo di bilanci per l'Extra Cashback di Natale, l'iniziativa sperimentale che il Governo ha messo in campo dall'8 al 31 dicembre. La prima fase di test del programma di #Cashback pensato per incentivare l'utilizzo della moneta elettronica ha registrato oltre 5,8 milioni di iscritti, 63 milioni di transazioni, 222 milioni di euro di rimborsi.
Alcune considerazioni:
- l'adesione al programma è stata largamente superiore alle aspettative e a quella di altre iniziative digitali di Stato lanciate finora, dimostrando che gli italiani sono pronti a usare servizi pubblici digitali innovativi erogati attraverso un’app;
- l'importo medio delle 63.218.228 di transazioni complessive elaborate dal sistema è stato di 46 euro. E nel 48,5% del totale si è trattato di piccoli acquisti, non superiori a 25 euro. Si è iniziato quindi a infrangere il tabù dell'utilizzo della moneta elettronica per una fascia di importo – quella dei micropagamenti – in cui il contante è stato finora padrone incontrastato;
- grazie alla spinta del Cashback l'app IO e SPID, due strumenti chiave per ripensare in chiave digitale la relazione Stato – cittadini, hanno registrato incrementi straordinari. In particolare, IO ha guadagnato dall'avvio del programma quasi 3 milioni di download (ora sono 9,25 milioni) e SPID è passato dalle 13.4 milioni di identità erogate a novembre alle 15,5 milioni di fine dicembre;
- un trend che non si ferma: all'8 gennaio più di 6,1 milioni di cittadini risultano iscritti al Cashback (300 mila in più in una settimana); sono stati attivati oltre 10,5 milioni di strumenti di pagamento, di cui 8.155.285 solo sull'app IO; le transazioni elaborate dal sistema sono arrivate quasi a 71 milioni, con un balzo di 8 milioni da inizio gennaio.
Scommessa vinta? Assolutamente sì, se consideriamo che è stata realizzata in un contesto critico di pandemia, che l'avvio è stato deciso ufficialmente dal Mef solo 4 giorni prima, che l'Extra Cashback di Natale aveva l'obiettivo di testare l'infrastruttura digitale e mettere a punto la complessa rete di collaborazione necessaria per registrare le transazioni (con adeguamenti tecnici significativi) e che la stessa app IO è ancora nella versione beta.
Inoltre ora il Paese ha a disposizione una potente infrastruttura per i pagamenti digitali - realizzata da SIA - utile per offrire servizi innovativi da remoto da parte della Pubblica Amministrazione. Le difficoltà registrate nei primi giorni dell'iniziativa di test, dovute a richieste di autorizzazione al pagamento superiori di circa 3 volte i volumi di un giorno normale e di oltre 2 volte i volumi del Black Friday, sono state prontamente superate e non si sono più ripetute.
Tutto bene, quindi? No, ovviamente. C'è ancora tanto da migliorare, a cominciare dalla user experience. Ma si tratta dell'inizio di un percorso e, si sa, cambiare le abitudini – sia dei cittadini sia delle amministrazioni pubbliche – non è mai un processo semplice e veloce.
 

I numeri del cashback nel dettaglio

Supera i 222,6 milioni di euro il totale dei rimborsi da erogare ai 3.230.906 partecipanti che, sul totale dei cittadini iscritti, hanno effettuato il numero minimo delle 10 transazioni richieste per avere diritto all’Extra Cashback di Natale. Si tratta, in media, di 68,9 euro di rimborso a testa che saranno erogati entro il primo marzo.
Il 3,1% degli aventi diritto, pari a circa 100 mila italiani – si legge nella nota ufficiale - ha raggiunto il rimborso massimo di 150 euro, mentre il 14,5% otterrà un bonifico tra i 100 e i 149 euro. La maggioranza dei cittadini partecipanti al programma (49,6%) si verrà accreditare 50-99 euro, mentre il 32,8% ha accumulato un rimborso inferiore ai 50 euro. Particolarmente interessante è il dato sull'ammontare delle transazioni registrate: nel 48,5% dei casi si è trattato infatti di piccoli acquisti, non superiori a 25 euro. Quindi proprio quegli acquisti quotidiani posti nel mirino dell'iniziativa per diffondere in maniera capillare i pagamenti digitali.
 

Al via il programma semestrale

Positivo è la tendenza registrata anche all'avvio ufficiale del programma Cashback, partito il primo gennaio e che si articolerà in tre semestri fino al 30 giugno 2022. All'ultima rilevazione dell'8 gennaio, erano infatti 6.244.446 i cittadini iscritti al Cashback e 10.636.108 gli strumenti di pagamento attivati, con circa 9 milioni di nuove transazioni effettuate ai fini dell’iniziativa solo nei primi 8 giorni del 2021.
A differenza di quanto previsto durante il periodo sperimentale dell'Extra Cashback di Natale, la soglia minima per acquisire il diritto al rimborso è ora pari a 50 transazioni a semestre. Inoltre, dal 1° gennaio si è aggiunta anche la possibilità di ottenere il Super Cashback di 1.500 euro a semestre per i primi 100 mila partecipanti che abbiano totalizzato, nel periodo di riferimento, il maggior numero di transazioni con carte e app di pagamento attivate nell’ambito dell’iniziativa. A breve nell'app IO sarà possibile visualizzare anche la proprio posizione in questa speciale classifica delle transazioni.
“L’aspettativa – conclude la nota del Governo - è che la partecipazione continui a crescere in modo graduale e significativo nei prossimi mesi e che, con il tempo, l’iniziativa abbia un impatto positivo sul cambiamento delle abitudini di consumo degli italiani verso un sempre maggiore utilizzo della moneta elettronica negli acquisti di tutti i giorni”.
INGENICO 2022_Banner Medium
ALTRI ARTICOLI

 
Scenari

Smart city: 10 miliardi per il salto di qualità

Quasi un comune italiano su tre ha avviato almeno un progetto di digitalizzazione delle infrastrutture urbane nell’ultimo triennio. E una spinta...

 
Banca

Tra rischi e nuove sfide, è il momento delle scelte

Regole e mercato in un contesto in bilico tra emergenze e trasformazione. E nuove sfide che chiamano a decisioni strategiche anche innovative. I temi...

 
Credito

Buy Now Pay Later, la rivoluzione nel mondo dello shopping

Tra le aree più in crescita del mondo fintech, il BNPL presenta specificità e vantaggi interessanti, ma anche potenziali aspetti di criticità....
Banche e Sicurezza 2022
L’evento annuale, organizzato da ABI in collaborazione con ABI Lab, CERTFin e OSSIF, che racconta ed esplora...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Credito al credito 2022
L'evento annuale promosso da ABI, organizzato in collaborazione con Assofin, dedicato al credito alle...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Bancaforte TV
La gestione dei rischi finanziari e climatici. L’esperienza in una banca centrale
Bancaria Editrice ha appena pubblicato il volume “La gestione dei rischi finanziari e climatici....
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Gestione del credito: la parola d’ordine è “anticipare”
Alessia Garbella, Partner, Head of Credit Intelligence Optimization & Strategy Prometeia
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Innovation Workshop powered by Bancaforte
Scopri gli Innovation Workshop powered by Bancaforte
Una qualificata opportunità di dialogo e relazione con i professionisti del mondo bancario, finanziario e...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Banner Pubblicitario