Banner Pubblicitario
16 Giugno 2024 / 00:18
Bravi (TAS): Vogliamo essere un catalizzatore per l’evoluzione

 
Pagamenti

Bravi (TAS): Vogliamo essere un catalizzatore per l’evoluzione

di Mattia Schieppati - 20 Novembre 2023
Promuovere l’apertura, l’innovazione e l’efficienza attraverso soluzioni tecnologiche avanzate e strategie di collaborazione: questo il compito, e la responsabilità, di chi è leader nel mondo dei pagamenti secondo Valentino Bravi, Ceo del Gruppo TAS
Dottor Bravi, quello del banking e del fintech sta diventando sempre più un ecosistema dove le competenze e la logica open si integrano per dare servizi più armonici ed efficienti. Quale può essere il ruolo di una società leader nel software dei pagamenti e della monetica?
TAS ricopre una posizione di  leadership in Italia e in Europa nello sviluppo di soluzioni software per i pagamenti e per la monetica all'interno dell'ecosistema bancario e fintech. Da anni si è data l’obiettivo di svolgere un ruolo cruciale nel promuovere l'armonizzazione e l'efficienza dei servizi bancari e finanziari. In particolare concentrandosi e sviluppando Piattaforme Aperte (Open Platforms) che consentano l'integrazione fluida con altri servizi finanziari. Questo favorisce la creazione di ecosistemi più ampi in cui le diverse entità possono collaborare facilmente. L’esempio pratico è la piattaforma GPP (Global Payments Platform) – unica per completezza e estensione funzionale – che racchiude oltre 70 moduli interconnessi e interoperabili per coprire l’intera catena funzionale del mondo dei pagamenti (Account based, istantanei, PSD2, ecc…) e della moneta elettronica (issuing, acquiring, autorizzativo, accesso ai circuiti, gestore terminali POS & ATM, nuove soluzioni softpos, ecc…). Ciò permette a diverse istituzioni finanziarie di collaborare e offrire servizi congiunti senza intoppi. Adottando standard aperti per consentire una maggiore coerenza e facilitare lo sviluppo di applicazioni e servizi di terze parti. Siamo convinti che una società leader nel software dei pagamenti e monetica dovrebbe agire come un catalizzatore per l'evoluzione positiva del settore finanziario, promuovendo l'apertura, l'innovazione e l'efficienza attraverso la fornitura di soluzioni tecnologiche avanzate e strategie di collaborazione.
L'evoluzione digitale delle banche e delle aziende finanziarie è entrata in una fase matura: quali sono oggi le principali necessità che vedete emergere dal mercato?
La richiesta di un'esperienza utente fluida e intuitiva è sempre più attuale. Gli utenti si aspettano servizi finanziari che siano facili da usare, accessibili da dispositivi multipli e in grado di offrire una panoramica chiara delle loro finanze. In un contesto di crescente minaccia cibernetica, essenziali sono senza dubbio la sicurezza e la protezione dei dati. Le istituzioni finanziarie devono adottare misure avanzate di sicurezza per proteggere le informazioni sensibili dei clienti. In questo scenario, lo sfruttamento delle potenzialità offerte dall’'IA può essere essenziale per migliorare i processi decisionali, personalizzare i servizi, automatizzare le attività di routine e prevenire frodi. Le soluzioni basate sull'IA possono migliorare l'efficienza operativa e arricchire l'esperienza del cliente. Da sottolineare anche la spinta verso modelli di open banking che risulta decisamente in aumento. I clienti richiedono l'accesso a una vasta gamma di servizi finanziari da parte di diverse istituzioni, e le aziende finanziarie devono garantire l'interoperabilità per facilitare questa connettività. Cresce anche da parte dei clienti il desiderio di servizi finanziari personalizzati che si adattino alle loro esigenze specifiche. L'utilizzo di dati avanzati e analisi è essenziale per offrire soluzioni su misura.
Fare innovazione nell'ambito dei pagamenti significa confrontarsi con un doppio scenario: quello B2B, le esigenze delle aziende bancarie e dei circuiti e quello B2C con consumatori sempre più evoluti e sfidanti. Come si possono conciliare questi due mondi?
Questa è una sfida cruciale, e può essere affrontata con una strategia olistica. Nel contesto B2B le aziende bancarie e i circuiti di pagamento sono spesso alla ricerca di soluzioni che migliorino l'efficienza operativa, riducano i costi e semplifichino i processi. L'automazione dei pagamenti, ad esempio, è un punto chiave in questo contesto come assicurarsi che le soluzioni proposte siano interoperabili e conformi agli standard aperti per consentire una maggiore flessibilità nell'integrazione con i sistemi esistenti delle aziende. Le aziende B2B giustamente attribuiscono grande importanza alla sicurezza e al controllo sui pagamenti. Soluzioni come tokenizzazione, crittografia avanzata e autenticazione forte devono essere implementate per garantire un elevato livello di sicurezza. Tra gli altri, TAS si pone l’obiettivo di offrire strumenti che aiutino le aziende finanziarie a gestire la liquidità in modo più efficiente. Questo include servizi di previsione real-time sulla disponibilità di liquidità e strumenti avanzati di gestione finanziaria. Nel contesto B2C la priorità è spesso data a un'esperienza utente semplice, intuitiva e rapida. Le soluzioni di pagamento devono essere facili da usare e rispondere alle aspettative dei consumatori. Al fine di conciliare i due mondi TAS ritiene determinante creare soluzioni che siano modulari e adattabili, in modo che possano essere personalizzate per rispondere alle specifiche esigenze sia del settore B2B che B2C. Lavoriamo continuamente per raccogliere feedback da entrambi i mercati per comprendere le esigenze in evoluzione e adattare le soluzioni di conseguenza.
Il sistema complesso di regole che riguarda il mondo dei pagamenti è un aiuto all'innovazione o rappresenta più spesso un ostacolo?
Le regolamentazioni mirano a proteggere i consumatori definendo standard di sicurezza, privacy e responsabilità, promuovendo standard tecnici e di interfacciamento per facilitare l'interoperabilità e semplificare l'integrazione di diverse soluzioni di pagamento. Di contro, un eccesso di regolamentazione, o una regolamentazione complessa, può diventare un ostacolo. La necessità di adeguarsi a normative intricate e di ottenere l'approvazione regolamentare può richiedere risorse considerevoli, rallentare i processi decisionali e l'implementazione di nuove soluzioni. All’estremo, una regolamentazione eccessiva o troppo restrittiva può soffocare l'innovazione, causando riluttanza nelle imprese ad investire in soluzioni che potrebbero essere soggette a restrizioni severe. Trovare il giusto equilibrio tra la protezione dei consumatori, la stabilità del sistema finanziario e la promozione dell'innovazione è cruciale per garantire un ambiente favorevole alla crescita e allo sviluppo nel settore dei pagamenti.
Il tema dei sistemi di intelligenza artificiale evoluta applicata anche al mondo finance ha conquistato una grande eco mediatica. Quanta "intelligenza" c'era già in questo settore e rispetto a quali ambiti l'AI evoluta può fare la differenza nei prossimi 3 / 5 anni?
Con l'avvento dell'AI evoluta, che comprende tecniche come il deep learning e l'apprendimento automatico avanzato, ci sono state significative innovazioni e miglioramenti nelle capacità di analisi e predizione. TAS sta investendo tantissimo per completare le proprie soluzioni con moduli AI. Sfruttando la potenzialità dell'AI evoluta che può analizzare enormi quantità di dati in modo più efficiente e identificare modelli e correlazioni difficili da individuare con metodi tradizionali. Ciò può portare a una comprensione più approfondita del comportamento dei clienti, delle tendenze di mercato e dei rischi finanziari. Una delle prima applicazioni è stata studiata ed implementata per migliorare notevolmente la capacità di rilevare attività fraudolente analizzando pattern comportamentali anomali, identificando transazioni sospette e adattandosi in tempo reale alle nuove minacce. Le tecniche avanzate di apprendimento automatico possono aiutare le istituzioni finanziarie a valutare e gestire il rischio in modo più accurato. Ciò include la valutazione del rischio di credito, la gestione del portafoglio e la previsione delle fluttuazioni di mercato o della cassa. Un’altra area importante in cui stiamo esplorando l’utilizzo dell'AI evoluta è l’automatizziamone di processi aziendali, riducendo i costi operativi e migliorando l'efficienza. In sintesi, l'Intelligenza Artificiale evoluta ha il potenziale per rivoluzionare il settore finanziario migliorando l'efficienza operativa, la gestione del rischio e l'esperienza del cliente. Nei prossimi 3-5 anni, ci si può aspettare un aumento significativo dell'adozione di soluzioni basate sull'AI in molteplici ambiti finanziari. Tuttavia, è importante affrontare le sfide etiche e di sicurezza che possono emergere con l'uso diffuso di tali tecnologie.
TASSAZIONE 2024_Banner Medium
ALTRI ARTICOLI

 
Banche e Cultura

Chiamale emozioni

L’esperienza nella valutazione delle scelte di acquisto fa la differenza. E le emozioni conquistano la prima linea. Concentrarsi sull’essere...

 
Banca

Da Milano a Basilea 3+: a Supervision, Risks & Profitability i nuovi scenari diventano tema di sviluppo

Torna il 12 e 13 giugno l’evento promosso da ABI dedicato ai temi della vigilanza europea e della gestione dei rischi. Un’occasione di confronto...

 
Scenari

Se i computer fanno qubit. Iniziata la corsa alle macchine quantistiche

È la prossima grande frontiera dell’informatica: macchine che sfruttano le leggi della nuova fisica e consentono di fare in pochi secondi calcoli...
D&I in Finance 2024
L'evento promosso da ABI e organizzato da ABIEventi per consolidare gli interventi svolti...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Credito e Finanza 2024
Credito e Finanza è l’appuntamento promosso da ABI dedicato al Credito a Famiglie e Imprese e al Mercato...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Il Salone dei Pagamenti 2023
Il Salone dei Pagamenti è il più importante appuntamento nazionale di riferimento su Pagamenti e Innovazione...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Bancaforte TV
De Laurentis (Bocconi): "Due giornate per conoscere l'evoluzione della Vigilanza, della gestione dei rischi e dei modelli di business delle banche"
"Con lo sguardo a Basilea 3+. Tra vigilanza, nuovi rischi e la sfida della competitività". Questo...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Banner Pubblicitario