Banner Pubblicitario
25 Settembre 2020 / 18:30
Banner Pubblicitario
Websoft: la fotografia dei 25 colossi mondiali

 
Scenari

Websoft: la fotografia dei 25 colossi mondiali

di Mattia Schieppati - 6 Dicembre 2019
Fanno 15 milioni di utili al giorno, sono dotate di una straordinaria liquidità e in borsa valgono il 21% di tutte le imprese mondiali. 14 hanno sede negli Usa, 7 in Cina, 2 in Giappone e solo 2 in Europa (Germania). Di cosa si occupano? 13 operano nell’Internet retailing, 7 nella produzione di software e 5 nell’Internet services, dai social al search engine e al settore payment. Il Report di Mediobanca analizza gli ultimi 5 anni di andamento dei giganti del websoft mondiali. In Italia le grandi occupano circa 10 mila persone
Il dibattito, nei giorni scorsi, si è concentrato sulla voce più mediaticamente appetibile: le tasse pagate (relativamente poche, secondo la vulgata) a fronte dei fatturati (stratosferici). In realtà, lo studio realizzato dall’Area Studi di Mediobanca dal titolo I giganti del websoft - Software & Web Companies (2014-2019) (vedi qui) è una miniera ricchissima di dati, che fotografa con la forza dei numeri un mondo di cui tanto si parla ma spesso senza avere contezza delle sue reali dimensioni. I giganti che danno il titolo allo studio sono le 25 web company o produttrici di software con fatturato superiore agli 8 miliardi di euro, delle quali sono stati analizzati gli andamenti di bilancio degli ultimi 5 anni. In pratica, la punta dell’iceberg di tutto quel che nel mondo si muove e produce nell’ambito del digital in diversi settori: dall’Internet retailing, allo sviluppo di software, agli internet services (social, search engine, web portal, payment system). Di questi, 14 hanno sede operativa negli USA, 7 in Cina, 2 in Giappone e 2 in Europa (entrambi in Germania). Un club estremamente ristretto e potente, dati i volumi che macina e la liquidità di cui dispone.  

La vera forza? La liquidità

I colossi analizzati da Mediobanca si distinguono per solidità patrimoniale e soprattutto per liquidità, potendosi permettere di investire in titoli a breve termine addirittura più delle grandi banche europee e americane. Il 2018 è stato un anno di grande crescita per le websoft. Il fatturato complessivo tocca quota 850 miliardi di euro (pari al 6,4% del giro d’affari totale delle multinazionali mondiali), in crescita del 24,5% sul 2017 e del 109,7% sul 2014. Una corsa straordinaria, specialmente se paragonata a quelle delle multinazionali manifatturiere (+13% sul 2014). In questa cornice estremamente positiva sono soprattutto le aziende cinesi a brillare, grazie a ricavi incrementati del 294% sul 2014. I big americani crescono, invece, “solo” del 91%.

Un derby Usa-Cina

Il mercato è sempre più concentrato e il podio resta ancora tutto a stelle e strisce. Nel 2018 i primi tre giganti, Amazon, Alphabet (Google) e Microsoft rappresentano circa la metà dei ricavi aggregati del settore. Amazon (203,4 miliardi di euro) si conferma in prima posizione per fatturato dal 2014, seguita da Alphabet (119,5 miliardi) e Microsoft (96,4 miliardi).
Nel 2014-2018 è aumentato il gap tra i primi cinque giganti e gli ultimi cinque: nel 2014 la differenza di fatturato era poco superiore ai 240 miliardi di euro, nel 2018 è più che raddoppiata a oltre 480. Nel 2014-2018 la crescita media annua più elevata è appannaggio delle cinesi NetEase (+54,8%) e Alibaba (+49,1%), seguite da Facebook (+45,5%).
Nel 2018 i colossi del websoft hanno prodotto utili per 110 miliardi di euro (l’11,7% del totale delle multinazionali mondiali), ciascuno mediamente per circa 15 miliardi al giorno rispetto ai 7 nel 2014. Anche in questo caso la crescita non teme paragoni con quella delle multinazionali manifatturiere: +20,3% per le websoft e +4,3% per le altre. Se si allarga la prospettiva ai cinque anni, i giganti del settore hanno macinato profitti per 413 miliardi di euro, di cui 82 miliardi Alphabet, 78 Microsoft e 48 Facebook.

Occupazione: raddoppiata in 5 anni

Nel 2018 le websoft occupano quasi 2 milioni di persone sparse nel mondo (il 6% della forza lavoro di tutte le multinazionali mondiali), segnando un aumento di +902 mila unità sul 2014 (+91,6%, contro il modesto +1% delle multinazionali manifatturiere). La sola Amazon ha determinato oltre la metà di tale incremento. L’azienda di Jeff Bezos è il primo datore di lavoro del settore e ha più che quadruplicato il numero dei propri dipendenti tra il 2014 e il 2018, in parte grazie all’acquisizione di società minori, raggiungendo 647mila unità nel 2018. Al secondo posto una cinese, JD (179 mila occupati) e al terzo l’americana Oracle (136 mila). La prima europea è al settimo posto: la tedesca Sap (94 mila).

In cosa investono?

Nel 2018 le websoft poggiano su una base patrimoniale solida, con mezzi propri tangibili pari in media a 1,1 volte i debiti finanziari. Le società cinesi risultano più solide di quelle Usa (capitale netto tangibile, rispettivamente, 2 e 1 volta i debiti finanziari). Spiccano Facebook e la giapponese Nintendo che non hanno debiti finanziari.
Alla fine dello stesso anno le websoft detenevano 507 miliardi di euro di liquidità, pari a oltre un terzo del totale attivo (tre volte di più della media di una multinazionale). Il 22% del totale attivo (305 miliardi) è investito in titoli a breve termine (circa la metà sono titoli di Stato Usa), percentuale appena superiore a quella delle maggiori banche europee e americane (21%) e di gran lunga a quella delle multinazionali (3%). Dal 2014 al 2018 la liquidità delle websoft è aumentata in media di circa 49 miliardi ogni anno ed è stata utilizzata prevalentemente per acquistare società minori e azioni proprie: nel 2018 i buyback hanno superato di quattro volte quelli del 2014, arrivando a 78 miliardi di euro.

Regine di borsa

La borsa è uno dei terreni più fertili per i colossi websoft. Basti pensare che, anche se prese singolarmente, Microsoft, Amazon e Alphabet valgono più dell’intera Borsa Italiana. A fine 2018 i giganti del websoft (tutti quotati ad eccezione del gruppo tedesco Otto, a controllo familiare) concentravano il 21,6% della capitalizzazione delle multinazionali mondiali e valevano oltre otto volte la Borsa italiana e oltre il doppio di quella tedesca, registrando un incremento medio annuo del +19,8% nel 2014-2018 (+3,3% quello delle multinazionali manifatturiere). A metà novembre 2019 i colossi del websoft capitalizzavano 5.065 miliardi di euro e il podio di Borsa era così rappresentato: Microsoft-Alphabet-Amazon.

Le websoft in Italia

La presenza in Italia di questi avviene tramite controllate ubicate per la quasi totalità nelle province lombarde di Milano e Monza–Brianza, con l’eccezione della biellese Bonprix (società del gruppo tedesco Otto) e della romana Booking.com (Italia). L’aggregato delle controllate italiane ha un peso minimo se confrontato al totale mondiale websoft: nel 2018 il fatturato supera i 2,4 miliardi di euro (pari allo 0,3% del totale) e occupa oltre 9.840 unità (pari allo 0,5% del totale). L’aggregato presenta un’elevata stabilità finanziaria con un capitale netto tangibile quattro volte maggiore dei debiti finanziari e una bassa liquidità (4,5% del totale attivo), in linea con le caratteristiche tipiche di ogni filiale di un grande gruppo estero; le branch italiane di Amazon, Microsoft, Booking e Sap trasferiscono parte della loro liquidità.
ALTRI ARTICOLI

 
Banca

Il Muvir apre le porte dei Palazzi delle banche

Sabato 3 ottobre si tiene l’edizione 2020 di Invito a Palazzo, la manifestazione che apre le sedi delle banche e delle fondazioni di origine...

 
Banca

Bankitalia investe sulla consapevolezza finanziaria degli italiani

Magda Bianco, responsabile del Dipartimento che da giugno promuove la consapevolezza degli italiani su investimenti e mercati, spiega gli obiettivi...

 
Banca

La Bancassicurazione alla prova del new normal

I nuovi stili di vita accelerati dall’emergenza Covid chiamano l’industry a un cambiamento. Il 24 e 25 settembre, a Bancassicurazione 2020, le...
Alle porte di un cambiamento epocale
Pierpio Cerfogli, Vice Direttore Generale di BPER Banca, spiega il nuovo modello operativo ibrido di...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Approfondimenti
Digitale e green, ecco il progetto collettivo per ripartire
Intervista al filosofo dell’informazione Luciano Floridi: "Oltre l’80% del valore delle 500 maggiori...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Spunta, la blockchain può essere una rivoluzione
Savino Damico di Intesa Sanpaolo: "La Spunta oggettivamente rappresenta una pietra miliare nel panorama della...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Banner Pubblicitario