Banner Pubblicitario
06 Aprile 2020 / 10:22
Banner Pubblicitario
Refinitiv: “Siamo una start-up con 160 anni di storia”

 
Banca

Refinitiv: “Siamo una start-up con 160 anni di storia”

23 Ottobre 2019
Nata dalla collaborazione tra Thomson Reuters e Blackstone, la società offre soluzioni innovative applicate ai dati finanziari e di rischio. Con una piattaforma aperta che integra le diverse tipologie di informazioni, contenuti e tecnologie, comprese quelle dei clienti. Ne parla Eduarda Samapaio, Managing Director Southern Europe

Che cos'è Refinitiv e quali servizi offre?

Refinitiv nasce l'ottobre dello scorso anno a seguito della partnership tra Thomson Reuters e Blackstone, uno dei principali gruppi di investitori globali, che ha acquisito il 55% della Business Unit Financial & Risk di Thomson Reuters. Quest’ultima continua a detenere il restante 45%. Refinitiv nasce come una nuova azienda, ed è così che viene percepita sul mercato, ma questo non è del tutto vero:  possiamo dire che siamo una start-up di 6.000 milioni di dollari, con 160 anni di storia, dal momento che siamo l'ex unità di business di una grande società. Siamo specializzati in soluzioni informatiche e  piattaforme tecnologiche, e forniamo ai decision maker, attraverso esperienza e innovazione, informazioni chiave dei mercati finanziari e dei rischi. Il nostro  slogan è “Avanzando insieme oltre la velocità del cambiamento”, un concetto che vuole rimarcare il nostro impegno verso i clienti.

Quali sono i vostri obiettivi?

La nostra ambizione è quella di passare da un'azienda di prodotti a un'azienda di piattaforma. Una piattaforma aperta, un ambiente unico dove i nostri clienti e partner possono accedere a contenuti, tecnologia, analisi, notizie, ecc. Essi potranno accedere ai dati di mercato di terzi, ma anche ai propri dati completamente interconnessi con quelli di Refinitiv. Che si tratti di dati sui prezzi, di riferimento, alternativi, analitici o contenuti propri, nonché strumenti e tecnologie proprie e di terzi. In questo modo, rendiamo più facile per i nostri clienti innovare se stessi e creare esperienze eccellenti per i loro clienti. Vogliamo collegare l'ecosistema finanziario globale all’insegna dell'innovazione e delle prestazioni. Vogliamo far conoscere in profondità ai nostri clienti, sia a livello regionale che internazionale, il nuovo marchio e il progetto della nuova azienda, posizionandoci come fornitore leader di dati finanziari e di rischio. Abbiamo team locali nei vari paesi in cui operiamo, il che ci permette di avere un rapporto molto stretto e veloce con i clienti, così come una conoscenza approfondita e diretta della situazione locale e delle tendenze del mercato.

Chi sono i vostri principali clienti?

Sono istituzioni finanziarie come banche e società di gestione, ma anche mondo Corporate e Accademia. Abbiamo una gamma molto ampia di soluzioni che ci permettono di dare valore aggiunto ad un gran numero di aree di business: trading, wealth management, risk management, compliance, criminalità finanziaria, internal audit, tecnologia, portfolio management, ricerca e merger & acquisition, solo per citarne alcune.

Avete scommesso sull’open platform. In che cosa consiste?

Puntiamo ad offrire una piattaforma aperta e integrata di contenuti, informazioni, notizie e strumenti, per soddisfare le richieste dei nostri clienti nelle loro operazioni di investimento, trading, valutazione patrimoniale e gestione del rischio. Significa poter integrare strumenti e dati provenienti da noi, da terzi e/o dai nostri clienti, il che rappresenta un ampio raggio di analisi, nell'uso che si può fare e nei risultati che si possono ottenere. Molte delle nostre soluzioni sono considerate il riferimento del mercato, con contenuti esclusivi e unici che rappresentano un valore aggiunto per i nostri clienti.

In che modo questi servizi possono aiutare i gestori di fondi in un ambiente altamente regolamentato?

In primo luogo, abbiamo soluzioni front to back che spaziano, a livello normativo, dall'esecuzione alla riconciliazione del backoffice. D'altra parte, e concentrandosi sul regolamento Mifid II, è fondamentale separare i costi dell'analisi da quelli di esecuzione (siamo pionieri nella vendita di analisi con delay). Inoltre, abbiamo sviluppato soluzioni che consentono agli analisti di svolgere i necessari compiti normativi come la valutazione della ricerca, la distribuzione del budget e la registrazione delle attività. Per quanto riguarda gli strumenti complessi che richiedono la generazione e la distribuzione di un Kid, Refinitiv ha un repository, così come la possibilità di creare i propri documenti. Inoltre, disponiamo di servizi di rischio normativo che ci consentono di monitorare e segnalare l'esposizione al rischio finanziario in modo semplice, efficiente e tempestivo e di fornire supporto ai clienti interessati da un'ampia gamma di normative, tra cui: Aifmd, Basel 2 e 3, Ifrs, Solvency 2 & Orsa e Kyc/Aml.

E come potete aiutare a gestire i rischi?

In Refinitiv abbiamo un'ampia gamma di soluzioni per la gestione del rischio come Kyc (Know Your Customer) o Enhanced Due Diligence che ci permettono di individuare soggetti o entità immersi in problemi di riciclaggio di denaro o altri tipi di rischio come il rischio paese. La soluzione World Check, invece, fornisce informazioni e strumenti necessari per gli obblighi di due diligence, compreso il rispetto dei requisiti del Kyc e l'individuazione e la lotta al riciclaggio di denaro sporco. Inoltre, Refinitiv ha acquisito alcuni anni fa la società Starmine, un gruppo di analisti Quants muniti di modelli propri, tra cui uno - per fare un esempio - che calcola la probabilità di default e il rating implicito per qualsiasi società quotata nel mondo e la possibilità di ottenerlo per le società non quotate. Questo modello anticipa nel 70% dei casi gli aumenti e le diminuzioni dei rating.

È utile anche per i rischi informatici?

Il rischio informatico è uno dei temi che affrontiamo da alcuni anni con i nostri servizi di World Check. Oltre ad avere team dedicati alla prevenzione del riciclaggio di denaro, alla corruzione e al finanziamento del terrorismo, ne abbiamo anche uno che si occupa di sicurezza informatica. La nostra alleanza con l’Europol e il Forum economico mondiale per la lotta alla criminalità finanziaria mondiale, istituito a Davos nel 2018, sono esempi dell'impegno che abbiamo assunto per creare un mondo più sicuro, con imprese più sostenibili e un ambiente economico più trasparente.

La tecnologia è alla base del vostro progetto aziendale. Direzioni future?

Consideriamo la tecnologia come uno degli aspetti più rilevanti della nostra azienda. Infatti, ci presentiamo come la più vecchia azienda Fintech sul mercato. Crediamo che, tenendo il passo con le tecnologie emergenti, sia possibile cogliere nuove opportunità e mantenere un vantaggio competitivo. Vogliamo creare una comunità globale di innovatori dove poter condividere e collaborare con i nostri esperti e con una platea più ampia. Grazie alla potenza del cloud, dell'apprendimento automatico e dell'intelligenza artificiale, aiutiamo a sfruttare ciò che queste tecnologie rendono possibile. Il nostro portale per sviluppatori fornisce gli strumenti, il materiale didattico e il supporto di cui hai bisogno per ottenere il massimo dalle nostre Api e Sdk.
ALTRI ARTICOLI

 
Banca

Bond solidali per far crescere il terzo settore

Con 97 emissioni e oltre 5,4 milioni di euro destinati a iniziative e progetti sociali, in otto anni i social bond di Ubi Banca hanno fatto della...

 
Scenari

Intelligenza artificiale e data sharing per battere il Coronavirus

Dal sistema di supercalcolo di Alibaba al Covid-19 Open Research Data lanciato dalla Casa Bianca, fino all’iniziativa europea Ai4Eu, le tecnologie...

 
Banca

Covid-19, dalle banche grandi e piccole aiuti concreti e tempestivi

Si moltiplicano gli interventi di solidarietà che il mondo finanziario sta attuando per far fronte all'emergenza Coronavirus. Tra le priorità di...

Intesa Sanpaolo punta con decisione su innovazione e tecnologie. Sia internamente, per rispondere alle nuove...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn

Giovanna Boggio Robutti (Feduf): è necessaria una maggiore consapevolezza finanziaria per alimentare una...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Banner Pubblicitario