Banner Pubblicitario
30 Novembre 2021 / 06:11
Ombre

 
Scenari

Ombre

di Ildegarda Ferraro - 26 Maggio 2021
Il lato oscuro e doloroso di questa pandemia emerge costantemente. I tanti morti, il blocco delle iniziative collettive, la distanza sanitaria. Gli anziani, i bambini, gli adolescenti, ognuno con il proprio fardello. Una consuetudine più assidua al dolore. Il raccogliersi e ripiegarsi in sé stessi. Emerge comunque in prospettiva la luce in fondo al tunnel
«Se n’è andata. Era la mia più cara amica. Tante bellissime cose insieme.  Tanti progetti che avevamo sono spariti con lei…». Guardo la collega e vedo il suo dolore di fondo. Cerco di cambiare discorso, ma è chiaro che la ferita è aperta. Questa pandemia ha reso più evidente il senso della vita e il sapore del dolore. Abbiamo tutti negli occhi le immagini dell’emergenza, le terapie intensive, gli addii. Ognuno di noi ha fatto i conti con un dolore privato che si è sommato ad un dolore collettivo. Bergamo e le colonne dei camion dell’esercito, gli anziani delle residenze sanitarie, gli adolescenti con il web per amico, i bambini soli.
Inutile nascondersi il dolore. La pandemia ci ha familiarizzato con la morte. Nostra sorella morte corporale del Cantico delle creature di San Francesco d’Assisi.
Emergono manuali di sopravvivenza (https://rep.repubblica.it/pwa/robinson/2021/05/11/news/vademecum_impara_l_arte_di_sopravvivere-300508099/) come quello di Stefano Massimi edito da Il Mulino. 
Ognuno ha il suo dramma. Gli anziani la paura della morte. I giovani l’inibizione del grande rito di passaggio nell’età adulta, nell’indipendenza e nella vita agita. Due antropologie dice Ezio Mauro in un suo editoriale (https://rep.repubblica.it/pwa/editoriale/2021/05/16/news/l_editoriale_di_ezio_mauro_di_lunedi_17_maggio_2021-301306187/). Ed effettivamente se le terapie intensive sono state il campo dei molto adulti, dall’altro lato ci sono i ragazzi dispersi nella didattica a distanza in fuga dalla scuola. Triplicati i disturbi alimentari e relazionali.
Accoccolati nella nostra sofferenza, è un po’ questo lo stato delle cose. Passata la fase dei canti dai balconi resta il senso di smarrimento. C’è chi parla di “languore” e chi come il sociologo Giuseppe De Rita di “letargo di vitalità”.
E poi c’è Emma, piccola figlia dello sceneggiatore Mattia Torre premiato quest’anno ai David di Donatello, i premi del cinema per il cinema. Emma Torre, 12 anni, riceve il premio per suo padre scomparso a 47 anni. È spiccia, simpatica e cosciente: «Complimenti a mio padre che è riuscito a vincere questo premio anche se non c’è più». E poi giù la lista delle persone care. Via con le dediche: «A mio fratellino Nico che mi fa ammazzare dalle risate e alla mia mamma che non si arrende mai». Emma Torre parla del film che «parla di famiglie sole e bambini che nascono. Per questo ringrazio anche le ostetriche che ogni giorno s’impegnano per far nascere i bambini e i medici e gli infermieri che si impegnano per non far volare via le persone». La conclusione è un semplice «Bravo papà» (https://www.corriere.it/spettacoli/21_maggio_12/mattia-torre-moglie-francesca-emma-toglie-fiato-papa-ha-vissuto-malattia-sempre-col-sorriso-8707f650-b343-11eb-a8d8-6fa95675e8be.shtml).
Come cantava Franco Battiato: «Il mio maestro mi insegnò com’è difficile trovare l’alba dentro l’imbrunire» (https://www.youtube.com/watch?v=F2dDrLYPjms). Certo tocca impegnarsi nel cercarla. E parlando di Battiato penso all’effetto confortante de La Cura (https://video.repubblica.it/spettacoli-e-cultura/la-cura-emozionante-live-di-battiato-con-la-ensemble-symphony-orchestra/239806/239727). E io la luce in fondo al tunnel la vedo. Perché un po’ bisogna crederci e volerla.
<img src="https://track.adform.net/adfserve/?bn=46983552;1x1inv=1;srctype=3;ord=[timestamp]" border="0" width="1" height="1"/>
TIM_Banner medium 2021
ALTRI ARTICOLI

 
Scenari

Quando col cliente parla l’algoritmo

Assistenti virtuali realistici, app per riprendersi i dati, codici per migliorare la spesa pubblicitaria, software per sintetizzare documenti tecnici...

 
Pagamenti

Euro digitale, sperimentazione al via dal 2023

Fabio Panetta (Bce) lo ha annunciato nell’audizione al Parlamento europeo, sottolineando come sia essenziale accelerare sul progetto “per...

 
Scenari

Un quarto d’ora di città

Una città da 15 minuti, o anche a voler esagerare un quartiere da 20. Ripensare gli spazi e i tempi a misura di noi umani che abbiamo visto cose…...
Wealth Management Forum 2021
La prima edizione del Wealth Management Forum vuole essere momento di confronto tra i diversi operatori del...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Il Salone dei Pagamenti 2021
Il Salone dei Pagamenti Il Salone è l’evento di riferimento del settore, un palcoscenico autorevole e...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Bancaforte TV
Torriero (ABI): pagamenti digitali più semplici per favorire l’inclusione
È stata un successo l’edizione 2021 del Salone dei Pagamenti, con un’accresciuta attenzione anche a...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Lecce (Intesa Sanpaolo): i clienti vogliono pagamenti digitali trasparenti, semplici e sicuri
Oggi i pagamenti digitali sono ancora più centrali nelle strategie delle banche. Innanzitutto, spiega Andrea...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Innovation Workshop powered by Bancaforte
AI per il Credito: soluzioni che funzionano. Le opportunità offerte dall’Artificial Intelligence & Machine Learning per il Credit Risk Management
Guarda gratuitamente il workshop del 16 novembre realizzato con il Partner Dedagroup Business Solutions,...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Scopri gli Innovation Workshop powered by Bancaforte
Una nuova e qualificata opportunità di dialogo e relazione con i professionisti del mondo bancario,...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Banner Pubblicitario