Banner Pubblicitario
10 Aprile 2020 / 04:31
Banner Pubblicitario
Banche, tutto quanto fa cultura   

 
Banca

Banche, tutto quanto fa cultura  

di Ildegarda Ferraro - 6 Novembre 2019
Grande partecipazione di pubblico all’ultimo Invito a Palazzo, l’appuntamento di l’apertura delle sedi e dei luoghi delle banche. Le imprese del credito sono anche operatori culturali. Curano, custodiscono e si fanno carico di un patrimonio importante, anche composto dagli edifici in cui operano. E l’innovazione conta. Per esempio nei musei. Le banche riflettono e riversano i grandi cambiamenti in atto anche in ambito culturale. Anche di questo si parlerà al Salone dei Pagamenti nell’appuntamento di giovedì 7 novembre che sarà dedicato all’innovazione nelle banche anche al servizio della cultura
L’immagine sul soffitto affrescato è nitida. I disegni appaiono chiari, come sarebbero stati se effettivamente fossero stati dipinti trecento anni prima. Ma quegli affreschi non sono mai stati realizzati. Sono stati trovati i bozzetti e le nuove tecnologie consentono di proiettare l’immagine dove sarebbe stata se l’intero lavoro fosse stato completato. Anche questo è cultura. Anche questo è Invito a Palazzo.
I numeri parlano da soli: 100 luoghi in 60 città che si stima abbiano avuto circa 50 mila visite. Sono i dati del gradimento della manifestazione che, come ogni anno, il primo sabato di ottobre vede aperti luoghi e sedi antiche e moderne delle banche e fondazioni bancarie. In primo piano cittadini, appassionati e turisti che, per tutta la giornata, visitano luoghi che vengono aperti al pubblico, resi accessibili e illustrati con guide gratuite. E chi spiega e racconta spesso è giovane, come gli studenti delle scuole, che si mettono alla prova come guide per un giorno.
Questo 2019 Invito a Palazzo ha compiuto diciotto anni. Come ha ricordato il Presidente dell’ABI Antonio Patuelli “Quando si arriva a diciotto edizioni della stessa manifestazione, si può affermare che l’idea è buona e il risultato è apprezzato. Invito a Palazzo rappresenta un giorno di festa della cultura, in cui vengono messi al centro la passione e l’impegno con cui tutti ci adoperiamo per rendere migliore il tempo e il luogo in cui viviamo. Un impegno, quello delle Banche e delle Fondazioni, che si rinnova ogni giorno. Rendere accessibili luoghi che vengono conservati con sensibilità culturali e passione civile e sociale anche quando sarebbe economicamente più conveniente abbandonare le “storiche“ sedi e trasferirsi in nuove. Questa iniziativa è un’occasione per valorizzare un significativo patrimonio storico artistico.”

Impresa è cultura

D’altra parte, il nesso tra impresa e cultura è sempre più chiaro. Lo ha sottolineato Antonio Calabrò, Vicepresidente di Assolombarda e Direttore della Fondazione Pirelli, parlando di Museimpresa, l’Associazione italiana archivi e musei d’impresa, fondata da Assolombarda e Confindustria, di cui è Presidente. “Fare impresa – dice Calabrò – è la sintesi di grandi scelte culturali. Anzi, proprio l’impresa contemporanea, attiva e aperta, suggerisce di passare dal binomio impresa e cultura ad un altri, l’impresa è cultura”. Insomma, un luogo di memoria e di futuro, come racconta Il Sole 24 Ore.
E le imprese del credito non fanno eccezione. “Le banche – dice Costantino D’Orazio, storico dell’arte e saggista – non sono solo operatori finanziari, ma possono essere considerate a tutti gli effetti degli operatori culturali. Durante l’anno organizzano centinaia di iniziative, conferenze, eventi e anche mostre. E poi perché curano e custodiscono un patrimonio culturale notevole, che è anche costituito da luoghi e sedi in cui svolgono la propria attività”. D’Orazio aggiunge che “Il patrimonio culturale italiano è straordinario, unico al mondo, e le banche da protagoniste responsabili cercano di conservarlo e di valorizzarlo il più possibile nel segno della crescita delle comunità locali in cui operano quotidianamente”.

Cultura e creatività – l’impresa che cresce

La cultura è economia. Come ha chiarito una ricerca di Boston Consulting presentata da Dario Franceschini, Ministro per i Beni e le Attività culturali, i musei statali muovono 27 miliardi, ma si può arrivare a 40 come potenziale economico ancora inespresso (leggi qui). La cultura fa bene all’economia.
Intesa Sanpaolo e Mediocredito hanno tracciato la mappa delle imprese del bello e della creatività. Imprese piccole, spesso molto giovani, che hanno fame di investimenti. E possono crescere. Leggi qui.

Il museo del futuro

Un posto a sé ha certamente il museo da guardare con occhi nuovi, perché cambia e si trasforma. Diventa ancora di più un’emozione entrare in un’opera invece che ammirarla soltanto (leggi qui). E poi c’è il web, dove le opere possono essere guardata, studiate e vissute, senza snaturare la funzione originaria di conservazione, tutela e diffusione.
Anche di questo si parlerà al Salone dei Pagamenti giovedì 7 novembre in un workshop dedicato all’innovazione delle banche anche al servizio della cultura (qui tutte le info).
 
ALTRI ARTICOLI

 
Fintech

Dal Fintech milanese alla Silicon Valley. Aspettando che passi l'epidemia

Intervista a Marta Ghiglioni, 26 anni, ex direttore dell’Associazione che raggruppa le start-up finanziarie italiane, ora a San Francisco con...

 
Banca

Bond solidali per far crescere il terzo settore

Con 97 emissioni e oltre 5,4 milioni di euro destinati a iniziative e progetti sociali, in otto anni i social bond di Ubi Banca hanno fatto della...

 
Scenari

Intelligenza artificiale e data sharing per battere il Coronavirus

Dal sistema di supercalcolo di Alibaba al Covid-19 Open Research Data lanciato dalla Casa Bianca, fino all’iniziativa europea Ai4Eu, le tecnologie...
Approfondimenti
Donare, agire e innovare, il brand ai tempi del Coronavirus
Intervista a Giuseppe Mayer, autore di Branding by Design: "I consumatori ricorderanno le aziende che...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Bond solidali per far crescere il terzo settore
Con 97 emissioni e oltre 5,4 milioni di euro destinati a iniziative e progetti sociali, in otto anni i social...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Banner Pubblicitario