https://mybank.eu/pagamenti/partner-e-psp/banche-e-psp/?utm_source=Bancaforte2022&utm_medium=Bancaforte2022&utm_id=BannerBancaforte2022
Banner Pubblicitario
27 Novembre 2022 / 19:05
Made.IT, l'innovazione italiana diventa un brand

 
Scenari

Made.IT, l'innovazione italiana diventa un brand

di Mattia Schieppati - 15 Gennaio 2020
Al Ces di Las Vegas il Ministro dell’Innovazione Paola Pisano ha lanciato il progetto di internazionalizzazione della tecnologia Made in Italy. Un’iniziativa interministeriale, che coinvolge l’Agenzia Ice e diversi attori istituzionali, per promuovere aziende e start-up innovative in tutto il mondo. A partire dal mercato Usa ...
Il Governo italiano ha scelto un palcoscenico d’eccezione, il Consumer Electronic Show (Ces) di Las Vegas – la più importante fiera mondiale delle tecnologie di consumo tenutasi dal 7 al 10 gennaio – per presentare al mercato e agli investitori nazionali Made.IT: il progetto interministeriale focalizzato sullo sviluppo di tecnologie innovative da parte di aziende e start-up italiane e sull'internazionalizzazione del brand tecnologico nazionale. Made.IT è una delle cinque azioni previste dal Piano Strategico Nazionale d’Innovazione «Italia 2025» presentato lo scorso dicembre dal Governo.A illustrarlo è stata Paola Pisano, Ministro dell’Innovazione e Digitalizzazione presso il padiglione Italia del Ces, che anche quest’anno ha visto un’alta partecipazione di imprese tricolore (48 le start-up presenti nel padiglione istituzionale, altre 20 quelle che hanno partecipato in maniera autonoma).

Trattenere i cervelli

«Made.IT è uno dei progetti principali per sostenere l’innovazione nella nostra strategia per l’innovazione e la digitalizzazione “Italia 2025”. L’obiettivo è semplice e ambizioso: accompagnare le piccole e medie imprese italiane e le start-up che si occupano di tecnologia e digitale in un progetto di crescita e promozione, che possa dare impulso e slancio al settore, trasformando l’innovazione Made in Italy in un’eccellenza riconosciuta in tutto il mondo», ha esordito il Ministro. L’obiettivo dichiarato è evitare che le idee tecnologiche nostrane siano costrette a partire per l’estero per trovare spazio e poter crescere in ambienti più favorevoli al fare impresa innovativa. I settori più promettenti spaziano dai grandi filoni della tech revolution (intelligenza artificiale, cyber security, robotica e mobilità del futuro) a comparti che costituiscono, agli occhi del mondo, le specialità tipiche del nostro Paese: il turismo, l'agroalimentare, la moda e il design.«Vogliamo promuovere un cambiamento strutturale per rendere l’Italia un Paese attraente per chi investe in innovazione, dove fondare, far crescere e radicare società che operano nel settore tech. Questo perché crediamo che l’innovazione sia una delle principali leve per migliorare la vita dei cittadini e creare nuove opportunità di sviluppo e lavoro. Ma anche perché crediamo che il nostro Paese disponga di un grande asset, finora poco valorizzato: la creatività. Un “tesoro sommerso” che non trova gli sbocchi che merita, se consideriamo che ad oggi abbiamo soltanto circa 10 mila start-up innovative che operano in Italia».

Cosa prevede il programma

Il programma di Made.IT prevede a grandi linee tre livelli d’azione:
  • attività di marketing e promozione, i cui punti fondamentali sono la definizione del marchio Made.IT, la realizzazione di una piattaforma online e un evento annuale dedicato al settore tech;
  • interventi normativi per semplificare l’attività imprenditoriale innovativa;
  • un sistema semplificato di visti che consenta una più facile circolazione dei lavoratori.
Gli strumenti che verranno messi in campo sono diversi. Il marchio e la piattaforma Made.IT accoglieranno le piccole e medie imprese e le start-up più meritevoli che sviluppano tecnologia in Italia. L’accesso al programma è garantito alle imprese che saranno valutate sulla base di criteri di performance e di potenziale di crescita, che dovranno rispettare alcuni requisiti che riguardano soprattutto l’italianità e lo sviluppo di tecnologie inclusive, ad impatto sociale e ambientale sostenibile.«Made.IT offrirà a queste imprese un percorso di crescita e promozione, mettendo a disposizione il know how e le competenze di un team di esperti, facilitando l’accesso ai fondi per l’innovazione nazionali e europei, creando un ambiente favorevole attraverso interventi normativi mirati. Ma soprattutto valorizzando le loro idee in Italia e all’estero con un programma di marketing e comunicazione, basato sul marchio, sul sito e su degli eventi dedicati al settore tech Made in Italy», spiega Pisano.

Una corsa a ostacoli

«Ci sono diversi motivi per cui il settore non è sviluppato come potrebbe, soprattutto se confrontato con quanto succede in altri Paesi simili al nostro», riconosce il Ministro: «Il primo è un ambiente non del tutto favorevole allo sviluppo dell’innovazione, fatto di normative e procedure a volte obsolete, che spesso finiscono per ostacolare gli investimenti nelle idee invece di incoraggiarli. A questo problema abbiamo dedicato anche un altro punto del nostro Piano per l’innovazione, che garantisce il “diritto ad innovare”».Ma le normative non sono l’unico ostacolo. Un altro punto centrale è l’accesso ai fondi: «Mentre la Germania sostiene le proprie start-up con investimenti annuali di 5,8 miliardi di euro e la Francia con 4,7 miliardi , l’Italia investe ogni anno soltanto 700 milioni di euro per le start-up che operano sul proprio territorio. Inoltre, le nostre start-up troppo spesso “parlano italiano”, nel senso che faticano ad affacciarsi ai mercati esteri, con il risultato che - come Paese - esportiamo meno tecnologia rispetto a quanto succede altrove. Con il progetto Made.IT vogliamo cambiare questo scenario, iniziando a costruire un Paese attrattivo per gli investimenti in innovazione, dove le aziende tech trovano un ambiente favorevole per crescere e radicarsi».

I prossimi passi di Made.IT

Il progetto è stato sviluppato in collaborazione con il Ministero per lo Sviluppo Economico, il Ministero degli Affari esteri e l’Ice (Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane), con i quali nelle prossime settimane verranno definiti gli aspetti operativi del programma, mentre entro la fine di aprile verrà pubblicata e sarà quindi attiva la piattaforma digitale che farà da base al programma. «Ma il progetto è aperto alla collaborazione di chiunque voglia contribuire», aggiunge Pisano: «Alla data di pubblicazione della piattaforma abbiamo in programma di essere già operativi con le prime start-up “pilota” selezionate da un comitato istituito ad hoc. Entro la fine dell’anno ci siamo posti l’obiettivo di coinvolgere altre start-up e le prime piccole e medie imprese, per avere la possibilità di iniziare il 2021 dando piena operatività a questo progetto strategico per il Made in Italy di domani».
Ingenico_nuovo logo_banner medium 2022
ALTRI ARTICOLI

 
Pagamenti

Pagamenti istantanei in crescita in Europa e nel mondo

Così il servizio RT1 di EBA CLEARING supporta le banche italiane nel loro percorso di frontrunner 

 
Pagamenti

I pagamenti digitali? Un mondo di innovazione

Nella plenaria di apertura del Salone dei Pagamenti 2022 una fotografia dei grandi passi in avanti fatti dall’ecosistema italiano verso una cultura...

 
Pagamenti

Processor a misura cliente

Le strategie e le prospettive di crescita di Dinit Card Services, azienda Slovena ma attiva in diversi Paesi che offre servizi completi e avanzati nel...
Il Salone dei Pagamenti 2022
Il Salone dei Pagamenti è il più importante appuntamento nazionale di riferimento su Pagamenti e Innovazione...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Bancassicurazione 2022
L’evento annuale promosso da ABI e ANIA, dedicato al mercato assicurativo, le principali opportunità legate...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Bancaforte TV
Euro digitale, il futuro prende forma
Uno dei temi chiave dell’edizione 2022 del Salone dei Pagamenti è l’euro digitale. Ma a che punto siamo?...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Dall’euro digitale alla PSD3: le nuove frontiere dei pagamenti
Prime anticipazioni sui temi al centro dell’edizione 2022 del Salone dei Pagamenti. Rita Camporeale,...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Innovation Workshop powered by Bancaforte
MARKET CHALLENGE & BANK PROFITABILITY. Nuovi strumenti e approcci di misurazione dei costi e della redditività bancaria
Registrati gratuitamente e guarda l'evento organizzato in collaborazione con PwC Italia
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
CLOUD NUOVA FRONTIERA PER IL CONTACT CENTER
Registrati gratuitamente e guarda la puntata organizzata in collaborazione con Genesys
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Scopri gli Innovation Workshop powered by Bancaforte
Una qualificata opportunità di dialogo e relazione con i professionisti del mondo bancario, finanziario e...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Banner Pubblicitario