Banner Pubblicitario
28 Febbraio 2024 / 19:19
 

 
Bancaforte TV

CibusPay: è la mensa digitale diffusa l'alternativa smart ai buoni pasto

di Flavio Padovan Maddalena Libertini
09 Giugno 2022

Un recente sciopero nazionale degli esercenti ha portato nuovamente in primo piano i problemi legati all’attuale sistema dei buoni pasto tradizionali. Ma c’è un’alternativa? Sì, è la mensa digitale diffusa e nasce dall’idea di due ristoratori Nick Preda e Davide Baio. Stanchi di commissioni troppo elevate (anche oltre il 20%) e di pagamenti a 60, 90 o anche 120 giorni, Nick e Davide hanno pensato a qualcosa di diverso, fondando nel 2020 la fintech altoatesina Cibuspay, ora incubata presso l’I3P del Politecnico di Torino.

Cibuspay è un’app che offre vantaggi a tutte i soggetti coinvolti, spiega Nick Preda nella videointervista rilasciata a Bancaforte. Vediamoli:

- per le aziende è una soluzione semplice, veloce e digitale per pagare il pasto ai dipendenti senza dover organizzare e gestire direttamente una mensa interna, a cui è stata però equiparata dal legislatore, garantendo così la piena deducibilità fiscale;

- per i dipendenti è una app che consente loro di avere sul proprio smartphone tutto quello che occorre per organizzare e pagare il pasto, con la possibilità di scegliere dove andare all’interno di un’ampia rete di ristoranti, locali ed esercizi convenzionati per la somministrazione di generi alimentari. Inoltre, consente di non fare pù la fila per pagare il conto: basta infatti un click sul proprio telefono;

- per i ristoratori è una soluzione che consente offrire il servizio a condizioni più eque e rispettose del loro lavoro, ricevendo la liquidazione dei pasti ogni settimana, con commissioni ridotte e senza tutta la burocrazia collegata ai buoni pasto tradizionali. Dunque, niente più blocchetti di carta, ricevute e fatture: “È CibusPay a rendicontare le transazioni e a fare le fatture per il ristoratore, che quindi può dedicarsi completamente alla sua attività, e cioè a preparare piatti buoni e a curare la relazione con i clienti”, spiega Nick Preda.

Cibuspay è tecnicamente un servizio di mediazione tra ristoratori e aziende. Tramite app o piattaforma web, l’azienda acquista un credito, che il singolo lavoratore può spendere in bar e ristoranti convenzionati.

La fintech ha già stretto partnership importanti, ad esempio con Confesercenti e CNA dell’Alto Adige, con Confcommercio e la Federazione delle cooperative del Trentino, e si sta espandendo anche in Triveneto e in Piemonte. L’obiettivo - anticipa Preda - è ora accelerare lo sviluppo a partire dal nord Italia, forti di un sistema di pagamento pensato per essere "rispettoso per i ristoratori, semplice per le aziende e pratico per i lavoratori", come dichiara il payoff scelto dalla fintech.


di Flavio Padovan, Maddalena Libertini  - 
BCC Banca Iccrea è a fianco delle PMI del territorio anche nel complesso percorso di ...
di Flavio Padovan, Maddalena Libertini  - 
Innovazione digitale di prodotto significa anche innovazione della relazione con il c...
di Flavio Padovan, Maddalena Libertini  - 
“L’ecosistema dei pagamenti è un mondo complesso e molto normato. Questo aspetto rapp...
di Flavio Padovan e Maddalena Libertini  - 
È tempo di bilanci per la PSD2. Per Pasquale Ambrosio, Partner KPMG Advisory, la dire...
di Flavio Padovan, Maddalena Libertini  - 
A fine 2023 il settore dei pagamenti digitali ha raggiunto il traguardo di 1,3 trilio...
di Flavio Padovan e Maddalena Libertini  - 
Sono tre i driver di sviluppo individuati da TeamSystem Payments: far crescere le att...
di Maddalena Libertini, Flavio Padovan  - 
Intelligenza artificiale e sostenibilità sono i due driver che stanno guidando la tra...
di Flavio Padovan, Maddalena Libertini  - 
Si chiama VAM - Virtual Account Management la piattaforma innovativa che Intesa Sanpa...
 
1/432
PRETA_MY BANK_EBACLEARING_Banner Medium 2023_bis
Il Salone dei Pagamenti 2023
Il Salone dei Pagamenti è il più importante appuntamento nazionale di riferimento su Pagamenti e Innovazione...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Newsletter 16 febbraio 2024 - Il 15,9 per cento dell'economia italiana si basa sulla cultura
e poi: accordo BCC Iccrea e CNA per l'accesso al credito; nuove nomine in Banca MPS e in SAS,...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Banner Pubblicitario