Banner Pubblicitario
19 Febbraio 2020 / 05:35
Banner Pubblicitario
Una grande forza europea per il Fintech

 
Fintech

Una grande forza europea per il Fintech

9 Ottobre 2019
Promosso dal Fintech District, il programma European Fintech Discovery coinvolge 10 hub europei. Obiettivo: far conoscere e avere a portata di mano più di 1.500 Fintech europee, agevolare i progetti e le best practice, diffondere la cultura dell’open innovation
Una volta tanto non sono le start-up italiane a doversi spostare per andare in giro per l’Europa alla ricerca delle banca o dell’azienda maggiormente interessata al proprio progetto innovativo. Ma sono le corporate che raggiungono le Fintech più adatte al loro business, per conoscerle e quindi coinvolgerle. Questo è l’European Fintech Discovery Program, un’iniziativa che Fintech District ha promosso e portato avanti, riuscendo a coinvolgere altri 9 hub che supportano start-up e scale-up nello stesso settore ma in altre parti del continente.
Obiettivo comune e, ancor più, forte convinzione dei 10 hub:  collaborare per far crescere il Fintech a livello europeo e rendere l’Europa una power house, dando la possibilità ai propri corporate member e alle aziende del territorio di incontrare più di 1.500 realtà del Fintech e Insurtech, selezionandone la tipologia a seconda delle proprie necessità in termini di open innovation.

Un programma che non è “proprietà di nessuno”

Ciascun hub potrà presentare l’iniziativa con il proprio brand perché si fonda sulla collaborazione tra “colleghi” finalizzata a far accrescere la conoscenza dello scenario Fintech a livello europeo, oltre che a portare le best practice di alcuni Paesi in quelli che potrebbero beneficiarne maggiormente. Lavorare ad una iniziativa comune come questa è anche un primo ma importante passo verso la nascita del mercato unico.
Il programma è rivolto, da una parte, al mondo Corporate (proprio dal loro interesse ne dipende il successo), dall’altra, alle start-up europee, che avranno l’opportunità di vedere accelerare le loro opportunità di matchmaking e ridurre time to market e business development, grazie alla possibilità di presentarsi alle corporate straniere in visita restando nel proprio paese.

Le realtà coinvolte

  1. Fintech District (Italia)
  2. Fintech Scotland
  3. Holland Fintech
  4. Copenhagen Fintech
  5. B-Hive (Belgio)
  6. The Lhoft (Lussemburgo)
  7. Le Village (Francia)
  8. Portugal Fintech
  9. TQ (Germania)
  10. Innsomnia (Spagna).

Fintech District al Salone dei Pagamenti

Per il secondo anno consecutivo, Fintech District è partner dell’evento del 6, 7 e 8 novembre al MiCo di Milano (qui il sito del Salonee lo Speciale 2019 di Bancaforte).  L'open immovation e la galassia Fintech saranno protagonisti di una serie di percorsi durante la tre giorni di novembre, con incontri, tavole rotonde e confronti per raccontare la situazione attuale, i trend in atto italiani ed internazionali, gli step futuri.  Collaborazioni tra start-up e corporate, panorama internazionale e ecosistemi Fintech sono i tre filoni che si intrecceranno nell’agenda proposta da Fintech District per illustrare le mille forme che può prendere l’open innovation nel settore.
ALTRI ARTICOLI

 
Scenari

Incubatori italiani: quanti sono e cosa fanno

Dal Politecnico di Torino la terza edizione del Report che analizza la crescita delle "culle" dell’innovazione. In Italia sono 197 realtà, che...

 
Fintech

Tecnologia per l'open banking

Le soluzioni di Tas contribuisco in modo significativo allo sviluppo delle nuove funzionalità della piattaforma Cbi Globe, permettendo di superare...

 
Fintech

Martini (Nexi): “Cbi Globe è il sistema operativo dell'open banking”

Con la nuova funzionalità della piattaforma annunciata da Cbi e Nexi sarà più semplice sviluppare soluzioni innovative evolute multibanca, rendendo...
BPER, obiettivo prossimità. Sul territorio e sui canali digitali
Per Pierpio Cerfogli, anche tra 10 anni le filiali saranno fondamentali per le banche. Ma saranno molto...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Fintech, sviluppo a rischio senza educazione finanziaria
Giovanna Boggio Robutti (Feduf): è necessaria una maggiore consapevolezza finanziaria per alimentare una...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Banner Pubblicitario