Banner Pubblicitario
17 Aprile 2024 / 01:55
 

 
Bancaforte TV

Ambrosio (KPMG Advisory): PSD2, una rivoluzione da completare

di Flavio Padovan e Maddalena Libertini
19 Gennaio 2024

È tempo di bilanci per la PSD2. Pubblicata in Gazzetta Ufficiale il 13 gennaio 2018, si proponeva di ridisegnare il mercato europeo dei pagamenti, favorendo lo sviluppo di un nuovo scenario competitivo e aprendo la strada all'open banking, quindi a un nuovo modo di fare banca. Ci è davvero riuscita? Quali di questi obiettivi ha raggiunto? Ne abbiamo parlato con Pasquale Ambrosio, Partner KPMG Advisory, nella videointervista rilasciata in occasione del Salone dei Pagamenti.

La PSD2 - premette Ambrosio -  ha portato sicuramente un miglioramento della sicurezza delle transazioni e di conseguenza una maggiore confidenza dei consumatori nell’uso degli strumenti digitali. A fronte di questo impatto estremamente positivo, molto poco si è visto invece in merito alla discontinuità che prometteva al mercato. “I due modelli di AISP e PISP, nonostante tassi di sviluppo a doppia cifra, sviluppano volumi di transato ancora molto limitati”, sottolinea Ambrosio.

A frenare le potenzialità della PSD2 sono state, da una parte, le difficoltà tecniche legate alla sua introduzione risultate significativamente maggiori rispetto a quelle attese. In particolare, ricorda Ambrosio, i primi 18 mesi si sono trasformati in una fase di tuning necessaria ad affrontare molti problemi di integrazione che non erano stati previsti. Ma si è rivelata errata – continua Ambrosio - anche la scommessa sulla risposta dei consumatori, che si era ipotizzata molto rapida e che invece è stata rallentata da un’iniziale esperienza d’uso in molti casi peggiore rispetto a quella di strumenti già presenti sul mercato, sebbene meno innovativi.

Un ulteriore errore – prosegue Ambrosio - è stato l’utilizzo dei nuovi framework non per integrare le logiche di utilizzo di AISP e PISP all’interno dei processi core, come la richiesta di un finanziamento o l’onboarding, ma per sviluppare aggregatori di informazioni, come la classificazione delle spese sui diversi conti, verso cui i clienti hanno mostrato un interesse scarso. Un approccio che evidenzia una iniziale difficoltà nell'individuare le migliori modalità di utilizzo delle opportunità offerte dalla PSD2 per generare valore per il cliente.

La PSD2 - ricorda Ambrosio - ha avuto senza dubbio il merito di aver avviato il percorso di open innovation del mondo bancario e un significativo cambiamento culturale, sebbene i servizi di open banking siano ancora un numero limitato.

La costruzione di un nuovo quadro europeo dei pagamenti è ora affidata alla PSD3. Sarà una rivoluzione o una evoluzione? Secondo Ambrosio, il testo della nuova direttiva proposto dalla Commissione europea, se analizzato a sé stante, non sembra in grado di realizzare una vera discontinuità nel mercato, che invece è possibile vedere in prospettiva valutando la PSD3 insieme alle due regolamentazioni ancillari, PSR e FIDA. In particolare, la proposta legislativa per sviluppare un framework per l'accesso ai dati finanziari, estendendo questa possibilità a un'ampia gamma di prodotti finanziari e assicurativi detenuti presso qualsiasi soggetto del sistema finanziario europeo, apre la strada all’open finance e allo sviluppo di prodotti e servizi innovativi. “Questa sarà la grande discontinuità che ci accompagnerà al 2030, anche se – avvisa Ambrosio – la definizione degli standard tecnici richiederà tempo”.

 

 

Leggi qui l'approfondimento di Bancaforte sullo studio di KPMG "New Digital Payments Regulatory Era? Impatti e opportunità del nuovo quadro normativo europeo", presentato al Salone dei Pagamenti: https://t.ly/nQASZ

 


di Flavio Padovan, Maddalena Libertini  - 
IN SPICCIOLI di Crédit Agricole Italia vince il Premio ABI Innovazione...
di Flavio Padovan, Maddalena Libertini  - 
Il furto d’identità e delle credenziali rimangono le modalità più diffuse per gli att...
di Flavio Padovan, Maddalena Libertini  - 
Il Premio ABI Innovazione 2024 nella categoria Sostenibilità è stato assegnato a "Fin...
di Flavio Padovan, Maddalena Libertini  - 
UniCredit University ha vinto il Premio ABI Innovazione 2024 nella categoria Diffusio...
di Flavio Padovan, Maddalena Libertini  - 
“In questi venti anni è cambiata la percezione del ruolo della tecnologia all’interno...
di Flavio Padovan, Maddalena Libertini  - 
“Per Scania e Scania Finance il ruolo della finanza agevolata svolge un ruolo fondame...
di Flavio Padovan, Maddalena Libertini  - 
New Cash Management Program di Intesa Sanpaolo ha ottenuto la Menzione Speciale al Pr...
di Flavio Padovan, Maddalena Libertini  - 
La Giuria del Premio ABI Innovazione 2024 ha assegnato una Menzione speciale alla cam...
di Flavio Padovan, Maddalena Libertini  - 
Una piattaforma che consente a tutti i prestatori di servizi di pagamento (PSP) di ad...
di Flavio Padovan, Maddalena Libertini  - 
Banco BPM ha ricevuto il Premio ABI Innovazione 2024 nella categoria Sostenibilità pe...
di Flavio Padovan, Maddalena Libertini  - 
Vince il Premio ABI per l’innovazione nei servizi bancari 2024 nella categoria “Canal...
 
1/319
IMMOBILIARE.IT
D&I in Finance 2024
L'evento promosso da ABI e organizzato da ABIEventi per consolidare gli interventi svolti...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Credito e Finanza 2024
Credito e Finanza è l’appuntamento promosso da ABI dedicato al Credito a Famiglie e Imprese e al Mercato...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Il Salone dei Pagamenti 2023
Il Salone dei Pagamenti è il più importante appuntamento nazionale di riferimento su Pagamenti e Innovazione...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Newsletter 4 aprile 2024 - Credito e Finanza 2024: i protagonisti e i temi che orientano il mercato
e poi, tutte le videointerviste ai protagonisti di Credito e Finanza 2024: le banche, le imprese, i provider...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Banner Pubblicitario