Banner Pubblicitario
22 Maggio 2022 / 13:10
 
Sella, raccolta in crescita del 12%

 
Pagamenti

Sella, raccolta in crescita del 12%

11 Novembre 2021
Positivi i risultati dei primi nove mesi del 2021, chiusi con un utile netto di 104,5 milioni di euro. Buono l’andamento di tutti i settori di attività
Terzo trimestre positivo per il gruppo Sella, che ha chiuso i primi nove mesi dell'anno con uno dei migliori risultati di sempre nella raccolta, la crescita degli impieghi e con un buon andamento in tutti i settori strategici della propria attività e nell'ecosistema di open finance e innovazione di cui è promotore. Il gruppo inoltre ha raggiunto la carbon neutrality, azzerando l'impatto delle emissioni proprie di CO2, in anticipo rispetto al piano fissato per il 2024.
I risultati consolidati al 30 settembre 2021, approvati dal Consiglio d'amministrazione della capogruppo Banca Sella Holding, si sono chiusi con un utile netto pari a 104,5 milioni di euro, in crescita rispetto ai 26,7 milioni di euro dello stesso periodo dell'anno precedente. Senza considerare le componenti straordinarie, l'utile netto è stato pari a 51,7 milioni di euro.
Nel periodo, infatti, ha inciso la plusvalenza ottenuta dalla creazione della joint venture paritetica in Hype, che ha portato all'acquisizione di una quota complessiva del 10% di illimity Bank da parte di Banca Sella Holding e della società del gruppo specializzata nell'open finance, Fabrick.
Rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, il margine di intermediazione è cresciuto di 62 milioni di euro, pari al 13,1%, raggiungendo i 536,2 milioni di euro. Le due componenti principali, il margine di interesse e i ricavi netti da servizi, sono cresciuti rispettivamente del 4,5% a 182,9 milioni di euro e del 12,4% a 279,5 milioni di euro.
Particolarmente positivo è stato l'andamento della raccolta. Rispetto alla fine dell'anno precedente, la raccolta globale al valore di mercato è cresciuta del 12% raggiungendo i 48 miliardi di euro; la raccolta netta globale è stata di 3,7 miliardi di euro. Gli impieghi comprensivi dei Pct sono cresciuti del 14,2% raggiungendo i 10,3 miliardi di euro, mentre quelli al netto dei Pct sono cresciuti del 9,2% raggiungendo i 9,5 miliardi di euro.

Migliorano gli indici di qualità del credito

L'Npl Ratio netto è diminuito al 2,5% (era 2,9% a fine 2020). Il Texas Ratio è ulteriormente migliorato portandosi al 35,3% (era 40,4% a fine 2020). Il costo del rischio di credito annualizzato al 30 settembre 2021 è stato pari a 47 bps (era 85 bps a fine 2020).

Contributo positivo da tutti i settori

Il buon andamento dei primi nove mesi è stato sostenuto da tutti i settori in cui il gruppo è impegnato e dal buon bilanciamento delle fonti di ricavo. In particolare, rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, i ricavi da servizi d'investimento sono cresciuti del 16,6% e la raccolta qualificata, rappresentata dal risparmio gestito e dalla componente in consulenza, rispetto a fine 2020 è cresciuta del 14,1% raggiungendo i 21 miliardi di euro.
Particolarmente positivi i risultati ottenuti dai sistemi di pagamento: i volumi transati complessivi, legati ai servizi di acquiring e di issuing, sono aumentati del 31,9% con un incremento complessivo dei margini del 20,6%.
L'investment banking e la finanza hanno registrato un incremento dei margini del 48,5%.
Confermata l'elevata solidità patrimoniale, ampiamente superiore agli standard richiesti, con il Cet1 pari a 12,34% e il Total Capital Ratio a 14,22% (erano 12,29% e 14,18% a fine 2020). Positivi anche gli indicatori relativi alla liquidità: l'indice LCR del gruppo è pari a 217%, mentre l'indice NSFR è pari a 136,1% (per entrambi gli indicatori i limiti minimi previsti sono pari al 100%).

Banca Sella

Nel quadro dei risultati consolidati positivi si inserisce anche il buon andamento di Banca Sella, società emittente titoli diffusi. I risultati al 30 settembre 2021 si sono chiusi con un utile netto di 43,8 milioni di euro, in crescita rispetto ai 25,7 milioni di euro dello stesso periodo dell'anno precedente.La raccolta globale al valore di mercato è cresciuta dell'8,5% rispetto a fine 2020, raggiungendo i 32,6 miliardi di euro, mentre la raccolta netta globale è stata di 2,1 miliardi di euro, di cui la componente qualificata rappresentata dal risparmio gestito e dalla consulenza è stata pari a 0,9 miliardi di euro. Gli impieghi a supporto delle attività di famiglie e imprese sono aumentati del 6,7% raggiungendo gli 8,2 miliardi di euro.Positivi gli indici di qualità del credito. L'Npl Ratio netto della banca è sceso al 2,4% (era 2,7% a fine 2020). Il Texas Ratio è migliorato portandosi al 40,9% (era 44,6% a fine 2020). Il costo del rischio di credito annualizzato è stato pari a 31 bps (era 65 bps a fine 2020). Per il quarto trimestre è atteso un costo del rischio di credito in aumento, ma su base annua l'indicatore si presume che resterà sensibilmente inferiore al 2020.Rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, il margine di intermediazione è cresciuto dell'8,7% a 299 milioni di euro, con le due componenti principali, il margine di interesse e i ricavi netti da servizi, in crescita rispettivamente del 7,2% a 117,4 milioni di euro e del 9,4% a 165,4 milioni di euro.Il Cet1 di Banca Sella è pari a 16,32% e il Total Capital Ratio a 20,51% (erano 16,34% e 20,13% a fine 2020).

Banca Patrimoni Sella & C.

La banca del gruppo specializzata nella gestione ed amministrazione dei patrimoni della clientela privata e istituzionale, ha chiuso i primi nove mesi del 2021 con un utile netto di 10,4 milioni di euro, in crescita rispetto ai 5,2 milioni di euro dello stesso periodo dell'anno precedente. Gli asset under management sono aumentati dell'11,6% rispetto alla fine dell'anno precedente, raggiungendo i 17,2 miliardi di euro. La raccolta netta al 30 settembre 2021 è stata di 1,2 miliardi di euro. Il Cet1 di Banca Patrimoni Sella & C. è pari a 13,82% e il Total Capital Ratio a 13,82% (erano 13,21% e 13,21% a fine 2020).

Fabrick

La società Fabrick, specializzata nell'open finance, le sue controllate (Axerve, dpixel, Codd&Date) e il Fintech District hanno registrato complessivamente ricavi netti per 32,4 milioni di euro, in linea rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, proseguendo lo sviluppo dell'ecosistema finanziario aperto e la trasformazione dei servizi erogati verso un modello di piattaforma. La community del Fintech District, nell'ambito della quale vengono sviluppati progetti di open innovation, si è ulteriormente ampliata arrivando a contare oltre 200 fintech e 17 corporate member.
In primo piano
INGENICO 2022_Banner Medium
Banche e Sicurezza 2022
L’evento annuale, organizzato da ABI in collaborazione con ABI Lab, CERTFin e OSSIF, che racconta ed esplora...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
ESG in banking: sostenibilità è sviluppo
Il 13 e 14 dicembre la prima edizione dell'evento annuale promosso dall’ABI sulla trasformazione...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Bancaforte TV
Crediti problematici, un approccio data driven conviene a banca e cliente
Trasformare la gestione dei crediti problematici dei privati in un’attività di caring che porta vantaggi...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Cabiati (Deutsche Bank): architettura applicativa da ripensare insieme alle fintech
Per le banche la pandemia ha rappresentato un momento di “stress test” organizzativo e un acceleratore...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Innovation Workshop powered by Bancaforte
Gli Innovation Workshop on demand
Guarda gratuitamente tutti gli appuntamenti organizzati con i nostri Partner 
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Scopri gli Innovation Workshop powered by Bancaforte
Una qualificata opportunità di dialogo e relazione con i professionisti del mondo bancario, finanziario e...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Banner Pubblicitario