Banner Pubblicitario
07 Aprile 2020 / 06:01
Banner Pubblicitario
 
Più educazione finanziaria meno sprechi: se ne parla ad Assisi

 
Banca

Più educazione finanziaria meno sprechi: se ne parla ad Assisi

di Igor Lazzaroni - 9 Gennaio 2020
La conferenza-spettacolo “Lo spreco illogico” di Feduf è dedicata agli studenti delle scuole secondarie e vuole indagare i meccanismi delle scelte economiche consapevoli. Ad Assisi il 15 gennaio …
Il 15 gennaio Feduf, la Fondazione per l’educazione finanziaria e al risparmio creata dall’ABI, e la Scuola di Economia Civile (Sec) portano al Teatro Lirick di Assisi la conferenza spettacolo “Lo spreco illogico”, dedicata agli studenti delle scuole secondarie di I e II grado.
L’iniziativa è realizzata all’interno del progetto “EconomiAscuola: quando i numeri contano e le persone valgono - Verso una nuova cittadinanza economica” e si colloca nell’ambito della collaborazione tra l’Ufficio scolastico regionale e Feduf, come evento preparatorio alla grande manifestazione internazionale “The Economy of Francesco”, indetta dal Santo Padre ad Assisi dal 26 al 28 marzo.
La conferenza-spettacolo #economiascuola è un progetto di educazione finanziaria che indaga i meccanismi della più basilare delle operazioni economiche: la scelta e gli effetti che comporta a livello globale. L’educazione finanziaria e lo sviluppo sostenibile rappresentano due opportunità di crescita a costo zero e si sposano in questo progetto che vuole diffondere l’approccio all’economia sostenibile in un’ottica di cittadinanza attiva e consapevole, per costruire un valido progetto di vita ispirato ai valori di sviluppo sostenibile e globale fissati dall’Agenda 2030.
Il progetto racconta, da una parte, quello che sarebbe ragionevole scegliere di fare e, dall’altra, quello che è lo stato dell’arte attuale con l’obiettivo di mostrare, indagando le leggi matematiche che guidano le decisioni, che le due cose spesso non coincidono. Perché quando scegliamo, nella nostra mente si mette in moto una gran quantità di scorciatoie istintive, che spesso ci portano fuori strada, anche quando, davanti alla scelta, ci sentiamo completamente liberi, razionali e consapevoli.
Per approfondire l’importanza di queste tematiche, l’incontro sarà preceduto da una riflessione insieme alle Pubbliche Istituzioni sul tema dell’uso consapevole del denaro dal titolo “Il valore di modelli economici inclusivi e sostenibili e dell’educazione finanziaria per i giovani”. 
Il dibattito pubblico, a cui prenderanno parte Stefania Proietti - Sindaco di Assisi, Paola Agabiti - Assessore Regione Umbria, Giovanna Boggio Robutti - direttore generale di Feduf, Beatrice Cerrino - Scuola di Economia Civile, Francesca Di Maolo - Comitato Organizzatore The Economy of Francesco, Antonella Iunti - Dirigente Usr Umbria.
“L’educazione finanziaria e lo sviluppo sostenibile rappresentano due facce di una medaglia che convivono in questo progetto improntato a una visione dell’economia basata su valori etici e civili, in un’ottica di cittadinanza responsabile e consapevole, coerente con gli obiettivi dell’Agenda 2030" - commenta Giovanna Boggio Robutti, direttore generale di Feduf - "È quindi importante coinvolgere le scuole e aiutare i giovani a comprendere che il binomio economia e sostenibilità è la grande sfida da vincere per il benessere delle nuove generazioni e il futuro del nostro Pianeta”.
“Nella Terra lasciata desolata dalla fine delle ideologie" - ha scritto recentemente Luigino Bruni, presidente Sec e direttore scientifico Eof - "molti abbiamo pensato di riempire quel vuoto enorme promettendo ai giovani le tre I: Inglese, Informatica, Impresa; loro ci hanno detto che questi obiettivi erano troppo piccoli, e si sono inventati l’umanesimo delle tre F: FridaysForFuture. Anche se la dimensione economica di questo variegato movimento giovanile è meno enfatizzata di quella ecologica, la grande sfida del XXI secolo sarà tenerle assieme. Ed è qui si coglie il senso dell’evento The Economy of Francesco un processo avviato per offrire ai giovani una patria ideale (Assisi) da dove partire per trovare un rapporto integrale con l’oikos. Una nuova ecologia è possibile solo insieme a una economia nuova – se l’oikos è uno solo, non è né concepibile né realizzabile una ecologia integrale senza una economia integrale.” 
In primo piano
Innovazione per i clienti e per il Paese
Intesa Sanpaolo punta con decisione su innovazione e tecnologie. Sia internamente, per rispondere alle nuove...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Fintech, sviluppo a rischio senza educazione finanziaria
Giovanna Boggio Robutti (Feduf): è necessaria una maggiore consapevolezza finanziaria per alimentare una...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Banner Pubblicitario