Banner Pubblicitario
16 Aprile 2024 / 14:04
 
Crimini informatici, le azioni delle banche italiane

 
Sicurezza

Crimini informatici, le azioni delle banche italiane

di Andrea Pippan - 9 Luglio 2018
Il mondo bancario ha investito nel 2017 300 milioni per garantire ai clienti operazioni sicure. Importanti le iniziative di sensibilizzazioni verso cittadini e imprese e di formazione
Aumenta l'impegno delle banche nella lotta ai crimini informatici attraverso iniziative di formazione del personale, campagne di sensibilizzazione per la clientela e presidi tecnologici.
Nel 2017 le banche italiane hanno investito oltre 300 milioni di euro per garantire alla clientela "operazioni" digitali ancora più sicure. I clienti retail vittime di frode sono stati solamente lo 0,0018% del totale di quelli che operano su home banking, pari ad uno su 55 mila.
Secondo lo studio ABI Lab sulla sicurezza online, con l'affermarsi del digitale, sempre più rilevante nelle abitudini di cittadini e imprese, per le banche risulta fondamentale attuare attività di sensibilizzazione e formazione non solo per la clientela, ma anche per il personale bancario. In particolare, nel 2017 le azioni si sono concentrate maggiormente sulla formazione del personale specialistico addetto alla sicurezza (per il 75% delle banche intervistate), e del personale di filiale (per il 67,9%) per la relazione diretta con la clientela e la relativa assistenza offerta in caso di anomalie.
Sul tema della sensibilizzazione verso la clientela sui rischi del cybercrime lo studio sottolinea che le banche italiane hanno sviluppato campagne attraverso il portale di Internet Banking (per il 96% delle banche rispondenti), attraverso le informative presso le filiali (per il 74,1%), le informative contrattualistiche (per il 59,3%), le informative sulle app dei dispositivi mobili (per il 37%) e quelle via e-mail (per il 33%) e si sono fatte promotrici di collaborazioni intersettoriali, come il CERTFin – CERT Finanziario Italiano (Computer Emergency Response Team).
La sicurezza informatica, tuttavia, passa anche attraverso la collaborazione dei clienti delle banche. Per operare online in modo comodo e sicuro, infatti, è importante seguire alcune semplici regole:
  • ignorare qualunque richiesta di dati relativi a carte di pagamento e conto online, che la banca non chiederà mai alla propria clientela;
  • connettersi al sito della banca scrivendo direttamente l'indirizzo nella barra di navigazione, ignorando eventuali link ricevuti via mail ed sms;
  • verificare sempre l'autenticità della connessione con la banca;
  • controllare regolarmente i movimenti del proprio conto per assicurarsi che le transazioni riportate siano quelle effettuate;
  • diffidare di qualsiasi messaggio, anche se apparentemente autentico, ricevuto tramite e-mail, sms, social network, che inviti a scaricare documenti o programmi;
  • installare e mantenere sempre aggiornato il sistema operativo e l'antivirus;
  • fare attenzione a eventuali peggioramenti delle prestazioni generali (rallentamenti, apertura di finestre non richieste, ecc.) del proprio servizio di home banking o del proprio PC, che possono indicare infezioni sospette.
Vai alla sezione In primo piano
IMMOBILIARE.IT
D&I in Finance 2024
L'evento promosso da ABI e organizzato da ABIEventi per consolidare gli interventi svolti...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Credito e Finanza 2024
Credito e Finanza è l’appuntamento promosso da ABI dedicato al Credito a Famiglie e Imprese e al Mercato...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Il Salone dei Pagamenti 2023
Il Salone dei Pagamenti è il più importante appuntamento nazionale di riferimento su Pagamenti e Innovazione...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Bancaforte TV
Sabatini (ABI): "Il mercato dei capitali in Italia è sempre più vicino alle imprese"
"Per avvicinare le imprese al mercato dei capitali, bisogna continuare a semplificare le regole e le...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Banner Pubblicitario