Banner Pubblicitario
19 Febbraio 2020 / 05:58
Banner Pubblicitario
 
Soluzioni per l'open business

 
Credito

Soluzioni per l'open business

di F.P. - 5 Novembre 2019
Al Salone dei Pagamenti 2019 CRIF presenterà la piattaforma INSP e novità per il Personal e Business Financial Management. Il 7 novembre un workshop dedicato all'open banking e alla platform economy
Inclusa per il settimo anno consecutivo nell’IDC FinTech Ranking al 50° posto, CRIF sarà presente al prossimo Salone dei Pagamenti con speech e un workshop interamente dedicato all’Open Banking (leggi qui), moderato da Silvia Cotta Ramusino (nella foto).
Durante il workshop CRIF verrà approfondito quanto i consumatori sono pronti a questa nuova era - con le evidenze concrete della prima ricerca ‘made in Italy’ che ha indagato il rapporto dei consumatori con l’open banking realizzata da CRIF, SDA Bocconi e Nomisma - e saranno presentate esperienze di successo direttamente dalla voce dei protagonisti, in ambito di “augmented information” e analytics e di servizi a valore aggiunto per una nuova customer experience. Il tutto con una prospettiva anche internazionale, che CRIF può garantire come Account Information Service Provider abilitato a operare in tutti i Paesi in cui si applica la PSD2.
In linea con il proprio DNA di information provider e la vocazione all’innovazione, CRIF ha infatti investito fortemente in soluzioni in ambito Open Banking e saranno numerose le novità che presenterà all’evento ABI. Tra queste INSP – Intelligent Network Service Platform, la piattaforma innovativa che abilita nuovi modelli di relazione per aumentare cross e up-selling grazie alla capacità di attivare un “match innovativo” tra bisogni di clienti finali e l’offerta commerciale più appropriata del lender e dei propri partner dell’ecosistema, e le soluzioni a valore aggiunto di Personal e Business Financial Management per i clienti finali, consumatori e imprese.
 
INSP, una piattaforma per la crescita
Le aziende di credito hanno l’opportunità di diventare protagoniste nella nuova era dell’Open Banking, creando e orchestrando nuovi ecosistemi con partner, fintech, retailer etc. attraverso piattaforme di servizi che abilitino una nuova relazione con clienti e prospect – sia consumatori sia imprese –, trasformando le tradizionali interazioni di business in “esperienze personalizzate” attraverso l’utilizzo di nuovi canali distributivi, la creazione di nuove customer journey e lo sviluppo di nuovi prodotti.
Per aiutare le aziende di credito a creare valore per i clienti finali attraverso un ecosistema, CRIF ha sviluppato INSP, Intelligent Network Services Platform. INSP è la piattaforma tecnologica che permette di utilizzare in modo integrato il patrimonio informativo della banca, di aziende partner (es. fintech, insurance, energy, retailer) e di CRIF (CRIF Information Core), attraverso sofisticate architetture IT in grado di aggregare e correlare dati da diverse fonti (ad esempio catalogo prodotti, customer base dei diversi partner) all’interno di un data lake. La piattaforma è dotata di un evoluto motore di triggering che, tramite modelli di analytics sviluppati con tecniche big data e A.I. based, consente di estrarre valore e ottenere insight per sviluppare customer journey innovative e single touch point per azioni concrete. La piattaforma CRIF fornita as-a-service (PaaS) mette in relazione i partner e le rispettive offerte, riconosce l’opportunità di eventi di cross-selling e gestisce lo scambio di dati tra i partner stessi, il tutto nel rispetto dei più elevati standard tecnologici, di sicurezza e delle norme sulla privacy. Da un approccio relazionale statico si passa a uno dinamico, in cui le campagne di sviluppo commerciale possono essere attivate in real time sulla base di eventi/trigger e non solo sulla base di informazioni derivanti dal proprio CRM o da liste prospect, assicurando così maggiore redemption di vendite e minori costi. I vantaggi concreti per i partner dell’ecosistema non si traducono solo in sviluppo e potenziamento della relazione con i clienti (up/cross-selling, redemption), ma anche in generazione di nuovi flussi di entrate, diminuzione dei costi di prospecting e aumento della loyalty della clientela.
 
La nuova frontiera del retail banking
Nell’ambito delle soluzioni dedicate a consumatori e imprese messe a disposizione da CRIF per consentire alle istituzioni finanziarie di evolversi e cogliere le opportunità dell’Open Banking, CRIF presenterà al Salone di ABI le proprie soluzioni di Personal Financial Management e Business Financial Management.
Si tratta di applicazioni, fornite in white label, progettate secondo principi di Flat design, Mobile first e massima facilità d’uso, che offrono i vantaggi di un rapporto più attivo con i propri clienti. In particolare, il Personal Financial Manager (PFM) fornisce al Cliente Retail un ’personal trainer‘ con suggerimenti e consigli personalizzati per la gestione delle proprie finanze e del proprio budget atti a favorire il mantenimento di un buon equilibrio finanziario. Si rivolge a Clienti Retail che utilizzano i canali digitali – quali l’online o il mobile banking –, e, qualora gli stessi abbiano più di un conto, offre la possibilità di avere una vista aggregata, accedendo da un’unica applicazione in modo semplice e veloce. Il PFM di CRIF adotta una logica customer centric, in grado di supportare l’utente su due aspetti: da un lato, semplificando il controllo delle entrate e delle uscite per permettergli di capire come spende e come questo stile di vita impatti sulle proprie finanze. Dall'altro lato, aiutandolo a prevenire possibili criticità e a pianificare meglio il proprio futuro. Ad esempio, l’App può inviare all’utente una notifica per avvertirlo che le spese per il tempo libero sono aumentate, oppure se stia raggiungendo gli obiettivi di risparmio impostati più lentamente del previsto, permettendogli così di modificare i propri comportamenti e gestire al meglio le proprie finanze. Le notifiche inoltrate attraverso la App possono riguardare suggerimenti circa l’utilizzo o l’adozione di prodotti bancari in grado di soddisfare le esigenze del cliente stesso. La soluzione infatti è completata da un motore di marketing e si integra con la piattaforma INSP.
Dedicato interamente al Cliente Business, specificamente al segmento PMI, il Business Financial Manager (BFM) di CRIF fornisce un servizio smart che aiuta a tenere meglio sotto controllo la propria situazione finanziaria, offrendo una visione completa di tutti i conti correnti collegati e sullo stato di pagamento delle fatture. Si rivolge tipicamente ad aziende fino ad un massimo di 10 dipendenti, interessate a strumenti a supporto della gestione della liquidità e strumenti in grado di elaborare previsioni del proprio cash flow. Il servizio di Business Financial Management di CRIF potrà essere utilizzato come strumento in grado non solo di fidelizzare la clientela ma per veicolare proposte di prodotti e servizi in grado di rispondere o anticipare le esigenze delle aziende stesse. L’adozione di PFM e BFM da parte delle banche consente sia la protezione dei ricavi sia l’utilizzo di nuovi approcci digitali, al fine di migliorare la fidelizzazione della clientela, allargare a 360° la conoscenza del cliente, proporre offerte personalizzate in real-time, con la possibilità di generare nuovi ricavi.
In primo piano
BPER, obiettivo prossimità. Sul territorio e sui canali digitali
Per Pierpio Cerfogli, anche tra 10 anni le filiali saranno fondamentali per le banche. Ma saranno molto...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Fintech, sviluppo a rischio senza educazione finanziaria
Giovanna Boggio Robutti (Feduf): è necessaria una maggiore consapevolezza finanziaria per alimentare una...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Banner Pubblicitario