Banner Pubblicitario
27 Maggio 2022 / 13:20
 
Open banking: l’importanza dei dati per una nuova valutazione del credito

 
Credito

Open banking: l’importanza dei dati per una nuova valutazione del credito

di Elena Chiocchio - 10 Maggio 2022
​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​Luca Artizzu (Direttore Generale CTC): “Rispetto al passato oggi è possibile governare un enorme patrimonio informativo grazie a strumenti sempre più efficaci, veloci e potenti”
Uno dei cambiamenti più rilevanti nell’ambito del credito è senza dubbio la diffusione dell’Open Banking: la disponibilità di molti più dati rende oggi possibile una valutazione più completa e organica rispetto ai processi tradizionali, dunque una migliore profilazione della clientela e una maggiore inclusione finanziaria. La semplificazione dell’onboarding della nuova clientela permette inoltre un risparmio di tempo notevole nelle fasi di acquisizione della documentazione e dei dati.
“Grazie all’open banking i nostri consorziati hanno la possibilità di accedere a informazioni molto utili per la valutazione del merito creditizio, oggi ancor più considerata l’evoluzione di CTC in AISP”, ha dichiarato Luca Artizzu, Direttore Generale di CTC, sottolineando l'importanza dell'autorizzazione a svolgere il ruolo di Account Information Service Provider che il Consorzio per la Tutela del Credito ha ottenuto da Banca d’Italia.
“CTC, in qualità di fintech consortile, consente il governo di questo nuovo patrimonio informativo in modalità ecosistemica e cooperativa, favorendo un incremento del valore dei dati e della loro capacità predittiva. In questo modo il SIC positivo e l’AISP di CTC forniscono strumenti di valutazione del rischio di credito sempre più efficaci, veloci e potenti”, ha aggiunto Artizzu a margine di Credito a Credito (guarda qui lo Speciale che Bancaforte dedica all'evento promosso dall'ABI).
I vantaggi derivanti dall’utilizzo di soluzioni innovative per la valutazione del merito creditizio sono molteplici: si consente l’accesso al credito a soggetti senza storia creditizia, si incrementano l’efficienza operativa e la produttività, si migliora la qualità del credito (riducendo così il rischio di sovraindebitamento) e, lato cliente, la customer experience risulta più fluida e appagante rispetto al passato.
 
In primo piano
INGENICO 2022_Banner Medium
Banche e Sicurezza 2022
L’evento annuale, organizzato da ABI in collaborazione con ABI Lab, CERTFin e OSSIF, che racconta ed esplora...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Credito al credito 2022
L'evento annuale promosso da ABI, organizzato in collaborazione con Assofin, dedicato al credito alle...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Bancaforte TV
Crediti problematici, un approccio data driven conviene a banca e cliente
Trasformare la gestione dei crediti problematici dei privati in un’attività di caring che porta vantaggi...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Cabiati (Deutsche Bank): architettura applicativa da ripensare insieme alle fintech
Per le banche la pandemia ha rappresentato un momento di “stress test” organizzativo e un acceleratore...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Innovation Workshop powered by Bancaforte
Cloud nuova frontiera per il contact center
31 maggio ore 11 - Diretta streaming gratuita del workshop organizzato con Genesys
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Scopri gli Innovation Workshop powered by Bancaforte
Una qualificata opportunità di dialogo e relazione con i professionisti del mondo bancario, finanziario e...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Banner Pubblicitario