Banner Pubblicitario
23 Settembre 2020 / 18:02
Banner Pubblicitario
 
Inclusione, al Beccaria lo Sport Camp di Mediobanca

 
Banca

Inclusione, al Beccaria lo Sport Camp di Mediobanca

di Paola Fabi - 4 Settembre 2020
Quarta edizione dell'iniziativa sportiva dedicato ai ragazzi del carcere per facilitare l'inclusione sociale. In prima fila insieme a campioni come Diego Dominguez, anche i dipendenti del Gruppo Mediobanca
Lo sport come mezzo per promuovere l'inclusione sociale. Anche nelle carceri. Si è svolto presso l’Istituto Penale Cesare Beccaria di Milano la quarta edizione del progetto Gruppo Mediobanca Sport Camp, l'iniziativa sportiva dedicata ai ragazzi del carcere minorile di Milano nata proprio per promuovere l’inclusione sociale e il reinserimento sociale dei ragazzi attraverso lo sport.
Il Camp, promosso dal Gruppo Mediobanca in collaborazione con il CUS Milano Rugby, ha visto 26 ragazzi tra i 16 e i 21 anni impegnati in diversi sport: rugby, calcio, nuoto, pallacanestro e atletica. L’obiettivo  dell’iniziativa è di offrire un’esperienza di sport di gruppo che sia veicolo di valori positivi come il rispetto reciproco e delle regole, la capacità di stare in gruppo e la crescita personale di ciascuno dei partecipanti.
Anche quest’anno hanno partecipato la stella della Nazionale italiana di rugby Diego Dominguez e il suo staff, insieme a un gruppo di volontari del Gruppo Mediobanca impegnati nelle competizioni e a collaborare per la buona riuscita dell'iniziativa che è durata un’intera settimana.
“Il Gruppo Mediobanca Sport Camp è un appuntamento molto atteso tra i ragazzi del Beccaria ed è coerente con l’impegno del nostro Gruppo a promuovere l’inclusione sociale nella comunità di cui fa parte",  ha detto Giovanna Giusti del Giardino, responsabile della Sostenibilità del Gruppo Mediobanca. "L’empatia di Diego Dominguez e di tutti gli allenatori coinvolti - ha poi sottolineato - è lo strumento migliore per trasmettere i valori dello sport. Un’esperienza unica che abbiamo scelto di condividere anche con i nostri dipendenti, parte attiva del progetto”.
Ospite speciale del camp è stato il nuotatore Federico Morlacchi (4 medaglie d’oro alle Paralimpiadi di Rio 2016), che  ha sottolineato l'importanza del "ruolo formativo" dello sport "all’interno così come all’esterno delle carceri. Per questi ragazzi in particolare, collaborazione, rispetto delle regole e stima reciproca possono costituire valori sociali su cui costruire un nuovo inizio”.
In primo piano
Alle porte di un cambiamento epocale
Pierpio Cerfogli, Vice Direttore Generale di BPER Banca, spiega il nuovo modello operativo ibrido di...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Approfondimenti
Digitale e green, ecco il progetto collettivo per ripartire
Intervista al filosofo dell’informazione Luciano Floridi: "Oltre l’80% del valore delle 500 maggiori...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Spunta, la blockchain può essere una rivoluzione
Savino Damico di Intesa Sanpaolo: "La Spunta oggettivamente rappresenta una pietra miliare nel panorama della...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Banner Pubblicitario