Banner Pubblicitario
27 Ottobre 2020 / 21:37
Banner Pubblicitario
 
illimity e Fabrick uniscono le forze per Hype

 
Fintech

illimity e Fabrick uniscono le forze per Hype

di Flavio Padovan - 22 Settembre 2020
Siglata una joint venture per sviluppare la fintech italiana e accelerarne la crescita nel promettente mercato dell'open banking. Al gruppo Sella il 10% di illimity
Ricomincia il processo di consolidamento del mondo fintech dopo il periodo di rallentamento causato dal lockdown. La prima grande operazione in Italia è la joint venture paritetica annunciata da illimity e Fabrick, controllata di Banca Sella, per Hype, leader sul mercato italiano nel segmento dei servizi finanziari innovativi forniti da operatori non bancari.
Obiettivo dell'operazione industriale è consolidare un progetto di successo – Hype ha già 1,3 milioni di clienti – e accelerarne lo sviluppo come realtà leader nei servizi di light banking, grazie al conferimento delle nuove soluzioni di open banking sviluppate da illimity negli ultimi mesi.
Il mercato dei servizi finanziari digitali e dell’open banking sta infatti crescendo rapidamente. In particolare, sta emergendo un segmento di clientela – solo in Italia conta già oltre 2,5 milioni di clienti in rapido aumento – che non cerca una banca, ma soluzioni semplici e “leggere”, facili da usare, che rispondano in modo diverso ai propri bisogni finanziari.
La nuova joint venture, arricchita delle soluzioni di illimity, può entrare anche nel segmento di mercato delle piattaforme digitali non-bancarie di servizi finanziari e di pagamento, e i servizi ad esse connessi, consentendo ad entrambi i partner di accelerare le proprie strategie.
A guidare Hype saranno Antonio Valitutti, l'attuale Ceo, e Carlo Panella, Responsabile della Divisione Banca Diretta di illimity, che assumerà la carica di Presidente.

Struttura dell’operazione

L’accordo di joint venture prevede che illimity acquisti il 50% di Hype attraverso la sottoscrizione di un aumento di capitale riservato pari a 30 milioni di euro. Inoltre conferirà alcune attività, risorse e tecnologie afferenti il progetto di Open banking funzionale al piano industriale di della joint venture.
Fabrick riceverà azioni illimity di nuova emissione pari al 7,5% del capitale per un controvalore di circa 45 milioni di euro, e il diritto a ricevere ulteriori azioni illimity di nuova emissione per un ulteriore 2,5% circa del capitale al raggiungimento da parte di Hype di determinati obiettivi di redditività nel 2023-2024.
L'accordo prevede anche che Banca Sella Holding sottoscriva per cassa al perfezionamento dell’operazione un ulteriore aumento di capitale sociale in illimity per 16,5 milioni di euro, con esclusione del diritto di opzione (pari al 2,5%), per una partecipazione complessiva del 10%.
Il perfezionamento dell’operazione è atteso entro la fine del 2020.

I commenti dei nuovi partner

Soddisfazione per l'avvio della joint venture da parte di Corrado Passera, Fondatore e Amministratore Delegato di illimity: “Il mondo dei servizi finanziari digitali – spiega - sta evolvendo velocemente. Tecnologia, user experience, economie di scala e, soprattutto, velocità nel raggiungerle, sono fattori cruciali di successo. Così come nel segmento delle banche dirette digitali, illimity ha fortemente innovato e continuerà a farlo allargando anche il suo campo d’azione, nel segmento degli operatori non bancari abbiamo colto con gran piacere l’opportunità di allearci al leader italiano per essere un operatore che diventi un vero benchmark di settore. Al Gruppo Sella già ci legano rapporti di collaborazione tecnologica e ci fa particolarmente piacere che abbia voluto sancire il rapporto di lungo termine tra di noi anche con un investimento nel capitale di illimity”.
“Abbiamo sempre sostenuto e crediamo che l’Open Innovation e l’Open Banking siano la via tracciata per innovare i servizi finanziari – dichiara Pietro Sella, Amministratore Delegato del gruppo Sella e Presidente di Fabrick - con questa operazione testimoniamo la capacità ed efficacia delle nuove regole del gioco con l’obbiettivo di realizzare con illimity la prima challenger bank italiana. La trasformazione digitale sta generando una forte discontinuità nel settore finanziario ed Hype nasce in questo contesto e l’accordo che presentiamo oggi rappresenta una nuova tappa di un percorso straordinario di open innovation con un modello operativo aperto che ha dimostrato la propria validità raggiungendo 1,3 milioni di clienti. Hype si è così trasformata in un grande progetto, con obiettivi ambiziosi, e per raggiungerli abbiamo iniziato la ricerca del giusto partner. Lo abbiamo trovato in illimity, con cui condividiamo la visione del futuro e l’interesse di lungo periodo degli azionisti di costruire una società fortemente innovativa e sostenibile nel tempo. L’accordo inoltre conferma anche la valenza del progetto Fabrick, come acceleratore, abilitatore e company builder dell’ecosistema fintech e siamo orgogliosi ed onorati di accogliere l’altrettanto straordinario progetto illimity tra le nostre partecipazioni di rilievo e di poter contribuire al suo successo”.
 
In primo piano
Finanza decisiva per il Green Deal europeo
Secondo Carlo Luison, Partner Sustainable Innovation di BDO Italia, gli intermediari finanziari devono essere...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Approfondimenti
Cashless News, i pagamenti fanno notizia (in attesa del Salone)
Dalla collaborazione tra Il Salone dei Pagamenti e il canale televisivo Class CNBC, un tg quotidiano di...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Spunta, pronti a nuove applicazioni
«L’esperienza del progetto Spunta conta. Le banche italiane sono già operative su un’infrastruttura di...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Banner Pubblicitario