Banner Pubblicitario
15 Aprile 2024 / 18:48
 
Consolidation, è tempo di agire

 
Banca

Consolidation, è tempo di agire

di Flavio Padovan - 18 Marzo 2019
L'integrazione delle piattaforme Target2 e Target2-Securities richiede un avvio tempestivo delle attività per affrontare con sicurezza le scadenze. Le indicazioni del gruppo di lavoro interbancario promosso da TAS insieme a Kpmg e Accenture
Proseguono gli incontri del gruppo di lavoro interbancario - promosso da TAS Group insieme a Kpmg e Accenture – per supportare le banche nel processo di Consolidation delle piattaforme TARGET2 e TARGET2-Securities.
L'integrazione tra le due principali infrastrutture di mercato per la gestione dei pagamenti e il regolamento titoli è stata voluta dell'Eurosistema ed è una delle proposte chiave dell'ambizioso piano strategicoVision 2020. Un progetto complesso che darà vita a un'unica infrastruttura integrata più efficiente, aperta e moderna.
A fronte dei numerosi vantaggi che garantirà la Consolidation, le banche si trovano ora a dover affrontare tutte le significative attività che il progetto richiede rispettando le tempistiche indicate dalla Banca d'Italia. E con un'attenzione particolare, considerando che questa transizione sarà "a Big Bang", con gli oltre mille aderenti ai servizi Target 2 in Europa che passeranno al nuovo sistema tutti insieme, da un giorno all'altro. Di qui la necessità di partire tempestivamente e sfruttare appieno il tempo ancora a disposizione.
Nel primo incontro del Gruppo di lavoro, a cui hanno partecipato oltre 30 banche, l'attenzione è stata focalizzata sull'infrastruttura It e sugli impatti progettuali. Tra le principali criticità percepite ci sono il cambio di piattaforma, con contestuale salto tecnologico, il cambio di messaggistica per il passaggio allo standard ISO 20022, e quello di connessione di rete (con l'attivazione dell'Esmig - Eurosystem Single Market Infrastructure Gateway per la cui realizzazione entro giugno saranno presentate le offerte per il bando di gara). Inoltre, la necessità di definire un nuovo modello di business e una diversa gestione della liquidità con impatti organizzativi sulle strutture interessate. Significativo anche l'impegno previsto per i test e per le simulazioni del processo end-to-end che è opportuno realizzare in attesa della prima attivazione del sistema, prevista per marzo 2021, e soprattutto del go live pianificato per novembre 2021.
La riunione è stata anche l'occasione per capire come il mondo bancario si sta preparando alle prossime scadenze.
"Parlando con i clienti – afferma Amerigo Berti, Coordinatore del Gruppo di Lavoro Consolidation - è emerso che molti devono ancora decidere quando e con chi attivare l'assessment per cui non c'è ancora piena consapevolezza dell'impatto che il progetto avrà. Inoltre, l'esigenza di avviare da subito le attività non è ancora percepita da parte di tutte le direzioni".
Un attendismo colto anche da Banca d'Italia, che si è già attivata per monitorare lo stato di avanzamento dei lavori e sensibilizzare sulle attività da svolgere.
I cambiamenti richiesti dal processo di integrazione T2/T2S non riguardano soltanto le componenti IT, ma anche le aree di processo come, ad esempio, Tesoreria, Back Office, Risk Management. "Una complessità che - spiega Berti - deve guidare le banche nella scelta di partner che abbiano il giusto mix di competenze tecniche, funzionali ed organizzative. TAS, Kpmg e Accenture si propongono puntando su una soluzione applicativa già disponibile, sulla profonda conoscenza sia del contesto tecnologico e regolamentare sia delle tematiche funzionali e normative, oltre che delle competenze negli ambiti applicativi-metodologici".
Al centro del secondo incontro di approfondimento dedicato alla Tesoreria , Roberto Bruschi e Alessandra Riccardi, Direttore Product Managment e Business Analyst dell'area Capital Markets di TAS, hanno evidenziato e chiarito le principali novità introdotte dagli UDFS (User Detailed Functional Specification) in tema di conti e gestione della liquidità, accennando alle opportunità che la tecnologia può abilitare per migliorare la capacità di forecasting e reporting, nonché il modello operativo complessivo della funzione di Tesoreria delle Banche. Interessanti i feedback forniti dagli oltre 70 partecipanti : - solo il 12% ritiene di avere ad oggi una soluzione completa di Tesoreria e Risk Management real time - oltre il 75 % ritiene certo un impatto della Consolidation sulla strategia della Tesoreria dell'Istituto Indubbio dunque il crescendo del coinvolgimento e della consapevolezza degli stakeholder osservato nelle ultime settimane, anche per merito dell'iniziativa TAS Group.
Il terzo e ultimo incontro del GdL è in programma il 27 marzo e affronterà gli impatti lato Risk e Compliance. Sul sito di TAS Group tutte le informazioni per partecipare.
Vai alla sezione In primo piano
IMMOBILIARE.IT
D&I in Finance 2024
L'evento promosso da ABI e organizzato da ABIEventi per consolidare gli interventi svolti...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Credito e Finanza 2024
Credito e Finanza è l’appuntamento promosso da ABI dedicato al Credito a Famiglie e Imprese e al Mercato...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Il Salone dei Pagamenti 2023
Il Salone dei Pagamenti è il più importante appuntamento nazionale di riferimento su Pagamenti e Innovazione...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Bancaforte TV
Sabatini (ABI): "Il mercato dei capitali in Italia è sempre più vicino alle imprese"
"Per avvicinare le imprese al mercato dei capitali, bisogna continuare a semplificare le regole e le...
Icona Facebook Icona Twitter Icona LinkedIn
Banner Pubblicitario