23 Settembre 2019 / 17:21
 
Trasformazione digitale, accordo tra Poste e Microsoft

 
Imprese

Trasformazione digitale, accordo tra Poste e Microsoft

di Paola Fabi - 5 Giugno 2019
Il progetto promuove l'innovazione e la cibersecurity, con iniziative di formazione anche per Pmi e PA. Coinvolti tutti i dipendenti
Innovazione e competitività sono le parole chiave dell'accordo firmato, pochi giorni fa, da Poste Italiane e Microsoft. Un'intesa che punta a promuovere l'innovazione del Gruppo e dell'intero Paese e che ha come obiettivi principali la trasformazione digitale dell'organizzazione e l'attuazione di iniziative di formazione congiunta nelle Pmi, nella pubblica amministrazione e nel campo della Cybersecurity, nell'ambito del progetto Ambizione Italia.
 
I puntelli dell'intesa saranno le tre piattaforme cloud di Microsoft: Dynamics 365 per garantire la visione unica del cliente e ottimizzare la Customer Experience su tutti i canali, Azure per una struttura It più scalabile e sicura che permetta di rendere la società agile e veloce nell'innovazione su business diversi, dalla logistica ai servizi finanziari e Microsoft 365 per abilitare un nuovo modo di lavorare più collaborativo e produttivo, anche in una logica di smartworking.
 
"La partnership con Microsoft è coerente con la nostra missione - ha sottolineato Matteo Del Fante, amministratore delegato e direttore generale di Poste Italiane - ed è in linea con il nostro piano strategico Deliver 2022 centrato su un percorso di profondo cambiamento che punta sulla digitalizzazione dei servizi a sostegno dello sviluppo della pubblica amministrazione e del tessuto imprenditoriale del Paese, con l'obiettivo di avvicinare i cittadini alle nuove tecnologie in modo sempre più facile e sicuro". Un'attenzione particolare sarà dedicata, ha spiegato Fante "alle fasce di popolazione che hanno una minore familiarità con il digitale attraverso lo sviluppo di programmi ad hoc che favoriscano l'inclusione". "Stiamo inoltre avviando un ampio piano di formazione - ha concluso l'Ad- per tutti i nostri dipendenti per accompagnarli verso nuovi modelli di lavoro collaborativo e relazione. Sul fronte della cybersecurity, con Microsoft, puntiamo a favorire lo sviluppo di una cultura della sicurezza e della privacy. La nuova partnership segna, dunque, una tappa importante nel processo di sviluppo industriale e testimonia il rinnovato impegno dell'azienda nella digitalizzazione del sistema Paese".
 
Sulla trasformazione digitale si è invece soffermata Silvia Candiani, amministratore delegato di Microsoft Italia: "Siamo orgogliosi - ha detto - di collaborare con Poste Italiane alla trasformazione digitale di un Gruppo che incarna il volto storico del Paese e che grazie alle nuove tecnologie potrà rinnovare la propria rete di oltre 12.800 uffici postali e il modo di lavorare di tutti i componenti dell'organizzazione". "Un'innovazione a 360 gradi abilitata dal Cloud Computing -ha aggiunto Candiani- ove l'obiettivo non è solo l'efficienza, ma una maggior collaborazione tra le persone, accesso alle informazioni mirate e rilevanti per ogni individuo, con importanti benefici in termini di qualità del servizio offerto ad aziende, cittadini e pubblica amministrazione".
 
"Con questo accordo, il Gruppo intende guidare la trasformazione digitale in Italia, cavalcando in primis i vantaggi delle nuove tecnologie, ma si vuole anche far carico del proprio ruolo sociale e accelerare l'innovazione in alcuni ambiti strategici per la competitività del Paese: per questo uniremo le forze per promuovere la formazione delle Pmi e della Pa e collaboreremo per diffondere maggiore consapevolezza dei rischi in termini di cybersecurity", ha concluso Candiani.
 
Punta di diamante e fattore strategico dell'accordo sarà la valorizzazione dei talenti: saranno coinvolti nella trasformazione digitale i 134 mila dipendenti di Poste, dal management, agli impiegati, ai commerciali, ai postini. Tutti potranno utilizzare nuovi strumenti informatici e canali di comunicazione digitale, ma anche beneficiare di iniziative di formazione ad hoc e percorsi personalizzati per ogni singolo dipendente.
In primo piano
Momento storico per il mondo dei pagamenti. Da oggi la PSD2 è pienamente operativa. Quali vantaggi porta? Che...
Simone Capecchi, Data Driven Solutions & Consultancy - Italy & European HQ, Executive Director, CRIF e David...